Immagini d’impatto sui prodotti del tabacco. Serviranno?

Sì, secondo un'indagine che ha coinvolto 1900 fumatori. Risultati incoraggianti per la lotta al tabagismo, ora che anche l'Italia dovrà recepire la nuova normativa UE

cig-1081388_1920

L’uso di immagini d’impatto sulle confezioni delle sigarette sembra aumentare leggermente l’efficacia delle campagne per far smettere di fumare. Crediti immagine: Public Domain

SALUTE – A due anni dall’approvazione della direttiva UE sui prodotti del tabacco, anche in Italia entreranno in vigore i cambiamenti previsti per i pacchetti di sigarette, il tabacco da arrotolare e quello per pipa: entro quattro anni dovranno scomparire le sigarette aromatizzate, niente più formato da 10 (quindi solo pacchetti da 20) e almeno il 65% della superficie della confezione dovrà riportare messaggi e immagini esplicite, un messaggio combinato che informi il consumatore sui rischi del tabacco, che ogni anno uccide sei milioni di persone.

Di questi decessi, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, solo cinque milioni sono la diretta conseguenza dell’utilizzo di tabacco. Ogni anno più di 600 000 non fumatori si ammalano e muoiono a causa del fumo passivo, che riempie spazi chiusi come case e uffici (in molti Paesi, a differenza del nostro, fumare all’interno dei locali è ancora consentito). Nel fumo di tabacco sono presenti più di 400 sostanze chimiche, 250 o più sono nocive per la salute e oltre 50 provocano il cancro.

L’epidemia causata dal tabacco, per usare le parole dell’OMS, è una delle più gravi minacce ai danni della salute in tutto il mondo ed è oggi una priorità sanitaria. Nonostante l’informazione al riguardo abbia fatto grandi passi in avanti, molti restano scettici sull’efficacia di immagini a forte impatto e testi informativi sui pacchetti. Uno scetticismo che spesso accompagna quello sulle giornate di sensibilizzazione, e che le autorità hanno condiviso a lungo: anche negli Stati Uniti la Food and Drug Administration ha proposto l’utilizzo di immagini d’impatto sui pacchetti, ma nel 2012 l’industria del tabacco ha avuto la meglio ed è riuscita a evitare il provvedimento, che ancora oggi è in stallo. La U.S. Court of Appeals for the District of Columbia Circuit ha decretato che non c’erano prove scientifiche a sufficienza per poter dire che questo tipo di comunicazione fosse più efficace rispetto ai soli testi, che negli Stati Uniti sono obbligatori sulle confezioni dal 1985.

immagini-sui-pacchi-di-sigarette

Un ampio studio randomizzato, i cui risultati sono stati appena pubblicati su JAMA Internal Medicine, cambia almeno in parte le carte in tavola. A sostegno delle nuove direttive UE, il che è decisamente incoraggiante in vista dei cambiamenti che ci riguardano. I ricercatori guidati da Noel T. Brewer della University of North Carolina hanno coinvolto 2149 fumatori e li hanno monitorati per quattro settimane, raccogliendo dati per i 1901 partecipanti che hanno effettivamente seguito le indicazioni dal primo all’ultimo giorno. Un gruppo di partecipanti ha fumato solo pacchetti con informazioni di testo, mentre gli altri quelli comprensivi di immagini che mostravano i danni da fumo. All’inizio dell’indagine, e a ogni visita di controllo settimanale, hanno completato un questionario.

Tra i fumatori con le immagini sui pacchetti la percentuale di quelli che provavano a smettere di fumare era più elevata: il 40% contro il 34% del gruppo con i testi. Arrivati alla fine dello studio, il 5,7% dei primi aveva abbandonato le sigarette per almeno una settimana, contro il 3,8% dei secondi. Risultati modesti, lo dicono anche gli autori, “ma che potrebbero portare comunque benefici notevoli”, commentano in una nota. Partendo da questo primo spunto, le prossime ricerche dovranno confermare i risultati su un periodo più lungo, oltre a cercare di raggiungere una popolazione più eterogenea. Non è da escludersi, poiché erano tutti volontari, che i partecipanti avessero un’interesse maggiore a smettere di fumare rispetto a un qualsiasi campione generico di popolazione.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Bimbi asmatici e fumo passivo, un binomio pericoloso

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Eleonora Degano (677 Articles)
Giornalista pubblicista, traduttrice, science writer. Collaboro con varie realtà tra le quali National Geographic Italia, OggiScienza, pagina99 e StartupItalia. Mi occupo principalmente di conservazione e zoologia, con un particolare interesse per etologia e cognizione animale. Su Twitter @Eleonoraseeing

2 Commenti su Immagini d’impatto sui prodotti del tabacco. Serviranno?

  1. ettore radice // 12 giugno 2016 alle 10:29 // Rispondi

    Ho come la triste sensazione che per molti il fumo sia un modo di essere, penso che sia necessario lavorare sull’immagine del fumatore, in-sicuro, in-truppato, in-curante degli altri, in-capace di smettere in-quadrato nel mirino dell’industria medico farmaceutica e… del fisco .
    In-somma, non l’eroe che gioca alla roulette russa con scatolette horror e che manda in fumo la sua vita con scuse tipo “anche chi non fuma muore di cancro” ecc.
    Comunque ho molti amici fumatori e non li cambierei per nulla al mondo, mi dispiace solo l’idea di poterli perdere prima del tempo…

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. E-cig: non sempre equivale a smettere di fumare – OggiScienza
  2. È vero che fumare poco non fa male? – OggiScienza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: