Chi si ricorda dell’Ice Bucket Challenge?

I risultati dell’iniziativa di raccolta fondi per la SLA diventata virale

18150559590_0084eee81f_z

Nell’estate 2014 la campagna Ice Bucket Challenge ha raccolto più di 100 milioni di dollari in pochi mesi a favore della ricerca sulla SLA. Crediti immagine: Angelin Song, Flickr

SCOPERTE – Vi ricordate dell’Ice Bucket Challenge? Le persone che si facevano filmare mentre ricevevano una “generosa” secchiata d’acqua gelida durante l’estate del 2014?

Fu un fenomeno virale, conosciuto in tutto il mondo e che venne sfruttato dalla ALS Association – l’associazione statunitense contro la sclerosi laterale amiotrofica – per sensibilizzare l’opinione del pubblico sulla malattia. Le critiche non mancarono: ci fu chi accusò i partecipanti di essere degli “attivisti da divano”, chi puntò il dito contro lo spreco ingiustificato di acqua. Nonostante questo, l’Ice Bucket Challenge fu un successo incredibile: più di 100 milioni di dollari raccolti in pochi mesi.

A distanza di due anni sono emersi i primi concreti benefici di questa battaglia di gavettoni per la ricerca.

Gli scienziati coinvolti nel Progetto MinE – uno dei progetti finanziati grazie alla raccolta fondi – hanno confermato il ruolo fondamentale nello sviluppo della malattia del gene NEK1, pubblicando i risultati della loro scoperta su Nature Genetics.

Il Progetto MinE coinvolge undici nazioni di tutto il mondo fra cui l’Italia grazie al lavoro dell’IRCCS Istituto Auxologico Italiano – Dipartimento di Fisiopatologia e Trapianti – e del Centro Dino Ferrari dell’Università degli Studi di Milano.

Si tratta di risultato importante che permette di fare nuovi passi avanti nella ricerca di una cura.

Le persone affette da SLA sono 420 00 in tutto il mondo e in Italia si registrano 1000 nuovi malati all’anno con un’incidenza di circa 1-3 casi ogni 100 000 abitanti.

Leggi anche: SLA: non è tutta colpa del cervello

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Gianluca Liva (28 Articles)
Giornalista scientifico freelance - TW: @livagianluca

2 Commenti su Chi si ricorda dell’Ice Bucket Challenge?

  1. bernardodaleppo // 31 luglio 2016 alle 12:24 // Rispondi

    Chissà invece chi si ricorda del fenomeno della “misteriosa caduta di blocchi di ghiaccio dal cielo” che invase i media qualche anno prima? Il fenomeno era solo mediatico?

1 Trackback / Pingback

  1. L'evoluzione raccontata con i fumetti - Scientificast #116

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: