Migliorare la memoria grazie alle lingue straniere

I meccanismi con cui memorizziamo nuove parole sconosciute sono influenzati dalle nostre capacità linguistiche: il cervello delle persone che conoscono più lingue straniere sembra reagire in modo più forte ai nuovi stimoli.

4654257115_aab01d4e37_b

I meccanismi con cui memorizziamo nuove parole sconosciute sono influenzati dalle nostre capacità linguistiche: conoscere più lingue straniere aiuta a imparare più facilmente. Crediti immagine: Steve Johnson, Flickr

SCOPERTE – Fin dall’infanzia il cardinale Giuseppe Mezzofanti si rivelò un bambino estremamente intelligente. Dotato di una memoria di ferro e di un sofisticato orecchio per la musica, nel corso della sua vita confessò orde di turisti e viaggiatori, arrivando a padroneggiare oltre 70 lingue, di cui 38 fluentemente. La sua prodigiosa poliglossia, celebrata persino da Lord Byron che vedeva in lui l’interprete universale necessario a completare la torre di Babele, è tuttora oggetto di stupore e dibattito scientifico. L’impossibilità di studiare la funzione verbale sugli animali da laboratorio relega infatti i meccanismi neurofisiologici del linguaggio tra le funzioni del cervello meno comprese.

Uno studio pubblicato su Scientific Reports da un ricercatore della Scuola Superiore di Economia (HSE) di Mosca e dai colleghi dell’Università di Helsinki getta nuova luce sul rapporto tra intelligenza e capacità di padroneggiare più lingue. Secondo gli autori, sarebbe l’apprendimento delle lingue straniere, e non viceversa, a migliorare la plasticità del cervello e la sua capacità di codificare le informazioni.

L’esperimento prevedeva che i 22 partecipanti ascoltassero le registrazioni di alcune parole appartenenti alla propria lingua madre e a idiomi stranieri noti oppure del tutto sconosciuti. Monitorando l’attività cerebrale tramite elettroencefalogramma, i ricercatori hanno analizzato la velocità con cui il cervello dei partecipanti reagiva alle parole sconosciute. Queste informazioni sono state quindi confrontate con il profilo linguistico dei soggetti  basato sul alcuni parametri quali il numero di lingue conosciute e l’età di apprendimento. L’attività elettrica del cervello è risultata maggiore nei partecipanti che conoscevano già alcune lingue straniere.

“Più lingue si conoscono, più rapidamente la rete neurale codificherà le informazioni relative a parole nuove, aumentando di conseguenza la plasticità del cervello” riassume in un comunicato Yury Shtyrov, professore di neuroscienze a capo del gruppo dell’HSE. I ricercatori ritengono che la comprensione dei meccanismi alla base dell’acquisizione del linguaggio sia di cruciale importanza nella diagnosi di difficoltà dovute a incidenti, ictus e altre patologie correlate. Una migliore comprensione sulla formazione e rafforzamento delle reti neuronali, potrebbe inoltre aiutarci a padroneggiare questi meccanismi, accelerando e migliorando il processo di apprendimento. Nell’utopia di imitare, o almeno avvicinare, l’inarrivabile cardinale Mezzofanti.

Leggi anche: Imparare le lingue: il cervello è protagonista

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Davide Michielin ()
Indisposto e indisponente fin dal concepimento, Davide nasce come naturalista a Padova ma per opportunismo diventa biologo a Trieste. Irrimediabilmente laureato, per un paio d’anni gioca a fare la Scienza tra Italia e Austria, studiando gli effetti dell’inquinamento sulla vita e sull’ambiente. Tra i suoi interessi principali vi sono le catastrofi ambientali, i fiumi e gli insetti, affrontati con animo diverso a seconda del piede con cui scende dal letto. Su Twitter @davmichielin

1 Commento su Migliorare la memoria grazie alle lingue straniere

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Migliorare la memoria grazie alle lingue straniere |
  2. Quel legame tra suono e significato nelle parole – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: