Come dipinge una intelligenza artificiale?

Immaginate di essere un’intelligenza artificiale, come dipingereste le immagini che vedete? Ecco cosa accade quando un algoritmo di deep learning, cioè apprendimento profondo, “dipinge” la realtà nello stile dei grandi artisti del passato, da Vincent Van Gogh a Pablo Picasso

Crediti immagine: Università del Tubingen, Germania

SPECIALE DICEMBRE – Pensate ai girasoli e alle notti stellate dipinte da Vincent Van Gogh. Oppure alla Guernica di Pablo Picasso o alle ballerine di Edgar Degas e Claude Monet. Dietro a queste grandi opere d’arte si cela il lavoro (cerebrale) e la sensibilità artistica dei grandi pittori. Ma cosa accadrebbe oggi se a dipingere ciò che vedono, e con quegli stili, non fossero degli umani ma una intelligenza artificiale, che è in grado di imparare dagli stimoli visivi che riceve e di elaborare algoritmi che la portano ad avere una creatività propria o ad applicare dei filtri per rielaborare le immagini?

A rispondere sono gli scienziati dell’università di Tubingen, in Germania, che hanno sviluppato un algoritmo, che fa parte degli algoritmi di “deep learning”, cioè apprendimento profondo, in grado di dipingere delle foto nello stile dei vari pittori.

Che cos’è il deep learning?

Nello sviluppo di una intelligenza artificiale, l’obiettivo degli scienziati è quello di ottenere dei sistemi che siano in grado di apprendere da stimoli esterni e dall’esperienza, proprio come accade nel cervello umano. Per fare questo sono stati sviluppati degli algoritmi di apprendimento profondo, il “deep learning”, dove il sistema non agisce come un classico algoritmo in cui l’uomo spiega cosa fare se si verifica una precisa istruzione del programmatore, ma dove si formano delle reti neurali che simulano le reti create dai neuroni nel cervello umano.

Immaginate di avere a vostra disposizione miliardi di neuroni, come accade proprio nell’uomo, questi interagiranno con gli stimoli esterni, li elaboreranno e costruiranno delle reti in cui si immagazzina tutto il sapere. Quando una situazione si verifica, il nostro cervello cercherà l’informazione già codificata che è la risposta più adatta nel suo “database” e permetterà una reazione allo stimolo ricevuto. Ogni stimolo nuovo, costituisce un’esperienza che arricchisce il nostro database “umano”.

Immaginate ora invece di avere a disposizione un neurone “informatico” o meglio un algoritmo e di voler replicare il complicato meccanismo che si verifica nel cervello umano di stoccaggio delle informazioni. Si avrà bisogno innanzitutto di un numero superiore di algoritmi, ma sarà necessario che siano in grado di elaborare ogni volta gli stimoli a cui vengono sottoposti e ri-programmarsi sulla base di quanto imparato e non solo delle istruzioni singole che il programmatore può fornirgli. Questi algoritmi che riescono così ad imparare dai loro errori, creando delle vere e proprie reti neurali che ricordano il cervello umano, sono gli algoritmi di deep learning, cioè in grado di simulare e replicare un meccanismo di apprendimento di tipo umano.

La potenza di questi algoritmi nello sviluppo di un’intelligenza artificiale appare chiara e le potenzialità, proprio come per il cervello umano, sono molte dato che l’apprendimento profondo avviene, proprio come per i bambini, anche attraverso a stimoli che possono essere immagini. Da questi concetti base si ottengono così programmi e applicazioni che possono leggere le immagini ed elaborarle, come ad esempio la ricerca per immagini di Google o il riconoscimento facciale e il tag dei propri amici su Facebook, ma si possono anche sviluppare software in grado di riprodurre opere d’arte o, in futuro, di produrre opere d’arte inedite grazie alla loro capacità di apprendere e di rielaborare, proprio come accade con l’uomo

Come dipinge un algoritmo?

I ricercatori dell’università tedesca di Tubingen hanno utilizzato un sistema di rappresentazione neurale che è stato in grado di separare e ricombinare il contenuto delle singole foto e gli stili, per poi elaborare un algoritmo neurale che a sua volta ne ha riprodotto delle immagini artistiche. Un vero e proprio sistema di intelligenza artificiale, basato sulle reti neurali, in grado di produrre opere d’arte di alta qualità.

Gli scienziati hanno preso come esempio una foto di un appartamento vicino ad un fiume a Tubingen, vicino dunque all’università, e hanno lasciato che l’algoritmo elaborando le immagini, ottenendo un’opera d’arte che ricordava gli stili di grandi artisti, come la Notte stellata di Van Gogh, l’Urlo di Edvard Munch e ancora il Relitto di una nave trasporto di William Turner.

Questo accadeva nel 2015, e i risultati dello studio venivano pubblicati su ArXiv, ma dopo un anno a che punto siamo con il deep learning nel campo dell’arte? La risposta è che c’è ancora molto da fare, ma sempre più università e aziende stanno sviluppando software in grado di rielaborare le immagini, come ad esempio al Mit dove lo scorso settembre 2016 è stato presentato un nuovo studio condotto da Anh Nguyen, dell’università del Wyoming, che analizza come un algoritmo possa essere “incoraggiato” a scegliere in autonomia di rappresentare una immagine piuttosto che affidarsi a scelte basate su processi stocastici e quindi causali.

Ad oggi dunque gli scienziati non solo sviluppano algoritmi sempre più in grado di elaborare le informazioni, ma iniziano anche a comprendere come una intelligenza artificiale possa essere dotata di un “animo” indipendente, che sia rigorosamente algoritmico e matematico, ma anche artistico.

Se in un primo momento questi algoritmi venivano impiegati soprattutto per le ricerche per immagini, ora offrono uno sguardo anche al funzionamento della creatività umana. Proprio come l’uomo infatti questi algoritmi sono in grado di apprendere, creando delle complesse reti neurali, e di elaborare un immagine applicando un determinato filtro, che nel linguaggio umano definiremmo creatività. Un algoritmo è diventato così capace di dipingere e non resta da chiedersi cosa ne direbbero i grandi artisti del passato di questa “concorrenza” artificiale.

@oscillazioni

Leggi ancheL’intelligenza artificiale ha fatto un enorme passo avanti, su un tabellone di gioco

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Veronica Nicosia (66 Articles)
Aspirante astronauta, astrofisica per vocazione, giornalista di professione. Laureata in Fisica e Astrofisica all'Università La Sapienza, vincitrice del Premio giornalistico Riccardo Tomassetti nel 2012 con una inchiesta sull'Hiv. Lavoro come giornalista per Blitzquotidiano e collaboro con Oggiscienza. Mi occupo di scienza, salute, tecnologia e ambiente.

1 Commento su Come dipinge una intelligenza artificiale?

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Come dipinge una intelligenza artificiale? – ReportNews
  2. La Mela Artificiale – OggiScienza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: