Marte, cosa ci dice la quiete tra le due tempeste?

Tra gli impatti di asteroidi che hanno formato i grandi crateri presenti sulla superficie di Marte c’è un periodo di quiete di circa 400 milioni di anni. Per i ricercatori questa pausa tra la formazione dei crateri è una prova della teoria dell’intenso bombardamento tardivo che ha interessato anche la Luna e Mercurio.

Sulla superficie di Marte si trovano i segni di cinque grandi impatti. Quello più antico ha causato la formazione del cratere Borealis, in alto nell’immagine. Crediti immagine: University of Arizona/LPL/Southwest Research Institute

SCOPERTE – C’è stato un periodo tra i 4,1 e i 3,8 miliardi di anni fa in cui i corpi celesti dell’appena nato Sistema Solare venivano bombardati da piogge di meteoriti e asteroidi, che ne modellavano la superficie con la formazione di crateri più o meno estesi. Questa è la teoria dell’intenso bombardamento tardivo, LHB, che avrebbe coinvolto i corpi celesti più interni, come Mercurio, la Terra, la Luna e Marte. Una teoria che trova sostegno nella storia degli impatti del pianeta rosso, che mostra un periodo di quiete durato centinaia di milioni di anni tra due significative tempeste di meteoriti. Lo confermano i risultati pubblicati sulla rivista Nature Geoscience dal gruppo di ricercatori del Southwest Research Institute e dell’università dell’Arizona guidati da William Bottke e da Jeffrey C. Andrews-Hanna.

Gli scienziati hanno focalizzato la loro attenzione sui crateri più grandi e importanti di Marte. Il primo e più antico è Borealis, un cratere che si estende per circa 9650 chilometri e abbraccia la maggior parte dell’emisfero nord del pianeta. Questo cratere si è formato circa 4,5 miliardi di anni fa, quando il pianeta era appena nato. Gli altri importanti bacini presi in considerazione dagli scienziati sono invece più recenti. Si tratta di Hellas, Isidis, Argyre e Utopia, che si sono formati tra 4,1 e 3,8 miliardi di anni fa, proprio nel periodo in cui gli scienziati ritengono che si sia verificato l’intenso bombardamento tardivo.

Ma cosa è successo in quell’intervallo di 400 milioni di anni tra la formazione di Borealis e quella degli altri quattro e più recenti bacini? Questa la domanda che si sono posti Bottke e colleghi, ma la risposta che hanno ottenuto li ha decisamente sorpresi: in quell’intervallo di tempo sulla superficie di Marte non è successo assolutamente nulla di rilevante. Se qualcosa fosse accaduto tra le due tempeste che hanno rimodellato la superficie di Marte, i ricercatori avrebbero dovuto osservare dei crateri con caratteristiche di conservazione simili alle loro, ma così non è stato. Un vero e proprio periodo di quiete, in cui non c’è stata formazione di crateri o bacini che indicassero un’importante pioggia di meteoriti o altri eventi legati a impatti.

Una quiete che però rivela molto del pianeta rosso. L’unica conclusione possibile, secondo i ricercatori, è che proprio come per Mercurio e la Luna, anche Marte abbia subito l’intenso bombardamento e che la presenza dei suoi crateri sia una prova a sostegno di quella che al momento resta solo una teoria. Un periodo di quiete che, ne sono sicuri i ricercatori, può dire anche molto sulla sua evoluzione planetaria e che apre nuovi scenari sul passato geologico del pianeta.

@oscillazioni

Leggi anche: Dove sono finiti i crateri di Cerere?

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Veronica Nicosia ()
Aspirante astronauta, astrofisica per vocazione, giornalista di professione. Laureata in Fisica e Astrofisica all'Università La Sapienza, vincitrice del Premio giornalistico Riccardo Tomassetti nel 2012 con una inchiesta sull'Hiv. Lavoro come giornalista per Blitzquotidiano e collaboro con Oggiscienza. Mi occupo di scienza, salute, tecnologia e ambiente.

1 Commento su Marte, cosa ci dice la quiete tra le due tempeste?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: