Camminare sul confine fra scienza e magia

Along the edge è un graphic novel interattivo: il giocatore potrà scegliere in che modo la protagonista reagirà agli atteggiamenti e alle stranezze che incontrerà sulla sua strada.

STRANIMONDI – Daphne è in un momento critico della sua vita e l’eredità di una nonna dimenticata – una grande villa nella campagna francese – sembra essere l’occasione per prendersi una pausa da una quotidianità ormai diventata soffocante. Decide quindi di lasciare il suo compagno e la sua attività di ricercatrice per andare a insegnare nella scuola del paesino vicino al quale sorge la villa, in cerca di un qualcosa che è andato perso.

Questa è la premessa di Along the edge, un videogioco per PC, Mac e Linux pubblicato nell’ottobre del 2016 da Nova-box, una piccola agenzia francese specializzata in videogiochi narrativi. Si tratta di un graphic novel interattivo che si sviluppa attraverso una serie di immagini fisse, nelle quali si alternano scenari e paesaggi a momenti di dialogo, nei quali lo schermo viene diviso in due e mostra i personaggi coinvolti. In entrambi i casi, soprattutto nei dialoghi, il giocatore potrà scegliere in che modo Daphne reagirà agli atteggiamenti e alle stranezze che incontrerà nel nuovo, piccolo mondo nel quale è andata a ritrovare sé stessa.

Ogni scelta rientra all’interno di un sistema basato su quattro elementi cardinali, ciascuno rappresentante un archetipo di personalità. Man mano che il gioco procede, le decisioni prese dal giocatore si ripartiranno fra questi archetipi e condizioneranno l’evoluzione della personalità di Daphne, che si rifletterà sia nel suo aspetto fisico sia nei rapporti con gli altri personaggi.

Due sono gli assi su cui gli sviluppatori hanno costruito questa bussola caratteriale. Uno, rappresentato dal Sole e dalla Luna, indica il modo – pacato o aggressivo – in cui Daphne si relaziona agli altri personaggi. L’altro, caratterizzato dal Mondo e dalla Stella, descrive il suo approccio alla particolare situazione che incontra nel paese in cui si è trasferita.

E qui entra in gioco la componente principale della trama di Along the edge.

Daphne è una dottoranda in matematica e il mistero che si ritrova ad affrontare riguarda una presunta storia di stregoneria, che sembra riguardare da vicino la sua famiglia. Sta al giocatore scegliere se liquidare queste voci come sciocchezze, facendo appello alla propria mentalità scientifica, oppure se prestar loro attenzione. In ogni caso, gli abitanti del villaggio prendono molto sul serio queste storie e quindi non sarà possibile ignorarle. Il confronto con l’eredità della propria famiglia, i Deatour, e la rivalità con i Malterre è inevitabile ma il suo sviluppo è interamente nelle mani del giocatore.

Il destino di Daphne può svilupparsi in quattro diverse direzioni, una per ciascuno dei punti cardinali della sua bussola caratteriale, e la storia ha sei possibili conclusioni, alle quali si aggiungono ulteriori variazioni di trama come la possibile morte di alcuni personaggi secondari o le relazioni romantiche instaurate. Una variabilità che, unita a una durata che si aggira sulle tre ore circa, incoraggia il giocatore a ricominciare da capo, per sperimentare scelte alternative e osservarne le conseguenze.

In questo senso, la scelta di caratterizzare l’evoluzione di Daphne anche tramite un cambiamento di look risulta molto efficace, tenendo conto che Along the edge punta molto sul suo impatto grafico: più di 450 tavole fatte a mano, una più bella dell’altra, perfette per come caratterizzano i diversi ambienti e personaggi, e per come sottolineano le atmosfere e i cambi di umore della protagonista.

L’altro pilastro sul quale, insieme alla grafica, si regge Along the edge, è senz’altro la qualità della scrittura. Testi e dialoghi sono estremamente curati, non eccedono in lunghezza (cosa che avrebbe potuto rivelarsi stancante, in un gioco del genere) e al tempo stesso riescono a scavare a fondo nella psicologia di Daphne e dei principali personaggi che le ruotano attorno. Soprattutto, riescono a rendere credibili tutti i possibili percorsi presi dalla protagonista. Rigiocando Along the edge dall’inizio è possibile prendere decisioni anche radicalmente opposte a quelle prese nella partita precedente, ma in nessun caso si avrà la sensazione di star forzando la mano. Il personaggio che stiamo interpretando, nella miglior tradizione dei giochi di ruolo, è sempre Daphne, sia che reagisca con aggressività ai sospetti e alle superstizioni dei locali, sia che scelga un approccio pacato e ragionevole; sia che faccia appello alla sua mente cartesiana per affrontare la componente occulta della vicenda, sia che scelga di credere nell’esistenza di riti magici.

L’idea dello scienziato messo a confronto con il sovrannaturale è un topos narrativo piuttosto comune, che fa leva sul conflitto fra ragione e mistero ma che spesso scade nei soliti triti stereotipi dell’arido scientista o del ribelle alla ragione. Along the edge ha il grande pregio di evitare simili banalità, qualsiasi strada si scelga di prendere, riuscendo a tratteggiare le sfumature dei personaggi e delle situazioni, e a raccontare la complessità di un percorso di crescita in maniera estremamente coinvolgente.

Segui Michele Bellone su Twitter

Leggi anche: I 7 film di fantascienza che non vediamo l’ora di gustarci nel 2018

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Michele Bellone ()
Sono un giornalista e mi occupo di comunicazione della scienza in diversi ambiti. I principali sono la dissemination di progetti europei, in collaborazione con Zadig, e il rapporto fra scienza e narrativa, argomento su cui tengo anche un corso al Master di comunicazione della scienza Franco Prattico della SISSA di Trieste. Ho scritto e scrivo per Focus, Micron, Oggiscienza, Oxygen, Pagina 99, Pikaia, Le Scienze, Scienzainrete, La Stampa, Il Tascabile, Wired.it. Ho anche un blog: www.lineegrigie.it

1 Commento su Camminare sul confine fra scienza e magia

1 Trackback / Pingback

  1. Come sono i sei nuovi episodi di Black Mirror? – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: