martedì, Dicembre 18, 2018
COSTUME E SOCIETÀ

Estate in Trentino? La scienza viene in montagna con noi!

COSTUME E SOCIETÀ – Il Trentino Alto Adige è una delle mete predilette dagli amanti della montagna e delle escursioni, ma il territorio offre molto di più! E se durante l’estate non potete fare a meno di qualche pillola di scienza, ecco a voi una selezione di eventi e attività scientifiche per grandi e piccini.

MUSE (Trento)

Il Museo delle scienze di Trento è uno dei maggiori siti scientifici d’Italia. A 5 anni dall’apertura, festeggiata il 27 luglio, le attività e le mostre del museo sono sempre numerose e all’avanguardia.

Fino a febbraio 2019, è possibile visitale la mostra “Genoma Umano. Quello che ci rende unici”: una mostra che parte dal sequenziamento del genoma umano e conduce i visitatori in un viaggio nell’affascinante mondo della genetica, attraverso storie, esposizioni artistiche e test genetici. Nel biglietto di ingresso al museo è compresa anche una visita ai laboratori “Open Lab” per scoprire cosa studiano i ricercatori, quali strumenti usano e tutte le loro scoperte. Questa attività è disponibile dal martedì al venerdì (dal 6 al 27 agosto anche il lunedì).Per i più piccoli la visita al museo diventa una vera e propria avventura! “Museo con lo zainetto” propone alle famiglie con bimbi dai 6 ai 10 una visita coinvolgente con zainetto in spalla, guida al museo, enigmi da risolvere e molti giochi. Nel giardino del MUSE i più piccini, armati di lente d’ingrandimento, possono scoprire i segreti degli orti curiosando tra frutta, foglie e insetti grazie all’attività “Piccoli giardinieri crescono”, attività che sarà fruibile fino a fine ottobre. Maggiori info sulle attività in programma qui.

Crediti immagine: Pixabay

Museo geologico delle Dolomiti (Predazzo)

Il Museo Geologico delle Dolomiti racconta la storia geologica delle Dolomiti e il rapporto tra uomo e montagna attraverso un percorso coinvolgente e innovativo. Il patrimonio delle collezioni geologiche supera gli 11.000 esemplari, tra cui la più ricca collezione di fossili invertebrati delle scogliere medio-triassiche conservata in Italia. Il calendario degli eventi e delle attività proposte è fitto e ricco di proposte: laboratori, escursioni, conferenze e visite guidate per tutte le età. Durante l’estate si può completare la visita con il “Sentiero geologico del Dos Capèl”.

Museo delle Palafitte del Lago di Ledro (Val di Ledro)

Il Museo delle Palafitte del Lago di Ledro nasce negli anni ’70 ed espone reperti archeologici legati alla vita quotidiana di 4000 anni fa. Nel prato antistante il Museo è situato il villaggio palafitticolo, che permette di simulare la vita preistorica a scopo didattico e divulgativo, permettendo l’esplorazione di un modello di palafitta preistorica in scala reale per rendere comprensibile la vita durante l’Età del Bronzo. Nei mesi di luglio e agosto il programma delle attività è fitto e dedicato a grandi e piccini: laboratori d’archeologia, visite guidate con tiro con l’arco, concerti ed eventi di varia natura. È disponibile il calendario delle attività estive di Palafittando 2018.

Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige (Bolzano)

Se vi interessano geologia, zoologia e botanica il Museo delle Scienze Naturali è un ottimo luogo dove passare un pomeriggio. La mostra permanente illustra la genesi e le caratteristiche dei paesaggi tipici dell’Alto Adige, attraverso l’utilizzo di diorami, modelli, giochi, esperimenti. Inoltre, c’è il grande acquario marino con una capacità di ben 9000 litri e l’acquario dei Nautilus.

“Metamorphosis” è l’attuale mostra temporanea, visitabile fino al 16 settembre, che raccoglie 40 fotografie al microscopio elettronico in grande formato che ritraggono larve e insetti adulti nel loro processo di metamorfosi per osservare da vicino migliaia di occhi, setole e artigli.

Giardino Botanico Alpino Viote e la Terrazza delle Stelle (Monte Bondone)

Per l’estate 2018, il Giardino Botanico Alpino Viote e la Terrazza delle Stelle propongono tante attività a tema botanico e astronomico adatte a ogni età. Tra queste, la mostra fotografica (recentemente inaugurata e disponibile fino a fine settembre) “Una Montagna di Vita – Ecosistemi d’alta quota e cambiamenti climatici”, che illustra gli ecosistemi montani italiani e unisce estetica e divulgazione scientifica. Presso il Giardino si può scoprire l’universo botanico attraverso i cinque sensi; esplorare il mondo delle piante passando dalla cosmesi alle piante officinali, fino alle piante velenose; osservare insetti e altri animali nel loro ambiente naturale accompagnati da esperti.

“A tu per tu con le stelle” è solo una delle attività proposte dalla Terrazza delle Stelle: grazie ai telescopi e con il supporto degli operatori è possibile esplorare il cosmo anche per i non esperti. Durante i vari “Sun Day” si può osservare il sole con le sue macchie e i filamenti attraverso speciali lenti. Inoltre, sono in programma diverse passeggiate sotto le stelle e la domenica sera l’osservatorio rimane aperto per ammirare il cielo stellato, sia a occhio nudo che con i telescopi.

Qui il programma completo delle attività del Giardino Botanico Alpino Viote e della Terrazza delle Stelle.

Giardini di Castel Trauttmansdorff (Merano)

I Giardini di Castel Trauttmansdorff, con i loro 12 ettari di superficie, riuniscono più di 80 ambienti botanici e vi prosperano e fioriscono piante provenienti da tutto il mondo. Nei giardini, conosciuti per la loro peculiarità di unire natura, arte e cultura, si trovano stazioni multisensoriali, giardini a tema, padiglioni dedicati all’arte e diversi animali. Oltre alle visite guidate, ogni martedì e sabato (fino a fine agosto) i bambini possono osservare e vivere la natura in un workshop dedicato alle famiglie in cui le guide coinvolgono i partecipanti con molte curiosità botaniche.

Parco Natura dell’Olperl (Monte Elmo)

Se vi piacciono le passeggiate e volete un percorso adatto a bimbi e passeggini, il Parco Natura dell’Olperl fa al caso vostro. Si tratta di un percorso tematico ad anello di circa 1.5 km di lunghezza dedicato alle famiglie, in cui si possono ammirare splendide vedute panoramiche e osservare gli animali del territorio. Olperl è una creatura misteriosa che vive nei boschi circostanti, viene disegnata come un simpatico folletto e accompagna i visitatori nel loro percorso. L’itinerario ha inizio nella “Malga dei Bambini”, un’area gioco in legno dedicata ai più piccoli, che potranno osservare tanti animali da cortile e giocare con l’acqua che scorre tra i mulini e le dighe poco distanti. Il cammino ad anello vi porta alla scoperta di dieci punti tematici dedicati agli animali delle Alpi e, se siete fortunati, potreste anche vederne qualcuno salendo sulla torre di avvistamento o sulla piattaforma panoramica.

Parco Natura dello Stelvio (Val di Sole)

Con i suoi 130.734 ettari, di cui 17.560 in Trentino, il Parco Natura dello Stelvio è uno dei più vasti e antichi parchi italiani. Si estende sul territorio di 24 comuni e di 4 province ed è a diretto contatto con il Parco Nazionale Svizzero, con il Parco naturale provinciale Adamello-Brenta e con il Parco regionale dell’Adamello, per una superficie totale di quasi 400.000 ettari. La conservazione e la tutela della natura, la ricerca scientifica e l’educazione ambientale sono solo alcuni degli obiettivi del Parco. Ci sono 180 specie di vertebrati, 5 coppie di aquile reali nidificanti, 40 laghi naturali e artificiali e una ricchezza geologica, faunistica e floristica notevole.

Le proposte ViviParco 2018 comprendono attività per famiglie, bambini ed escursioni: nella brochure si trovano tutte le informazioni per andare alla scoperta del Parco Nazionale dello Stelvio.

Parco Naturale Adamello-Brenta (Valle di Non e Val di Sole)

Il Parco Naturale Adamello Brenta è la più vasta area protetta del Trentino e una delle più vaste delle Alpi (620,51 kmq). Arriva ai 3558 m di altitudine ed è interessato dalla presenza di molti laghi e dal ghiacciaio dell’Adamello, uno dei più estesi d’Europa. L’orso bruno, presente nell’area, è il simbolo del Parco. Da 16 anni viene organizzata “Un’estate da Parco”: più di 300 attività sul territorio tra escursioni, esperienze, e scoperte scientifiche, da inizio giugno a fine settembre. Novità di quest’anno è l’attività “In ricerca con il Parco”, grazie alla quale i partecipanti sono coinvolti nelle attività di monitoraggio ambientale guidati da un esperto.

Il programma delle attività e le informazioni utili per una vacanza in zona sono disponibili qui.

Segui Rachele Mazzaracca su Twitter

Leggi anche: Estate 2018 in Piemonte: appuntamenti tra scienza e natura

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rachele Mazzaracca
Biotecnologa di formazione, ma con mille interessi Nuova sfida in corso: Master in Comunicazione della Scienza@Sissaschool
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: