sabato, Aprile 4, 2020

archivecloud-computing

Un secondo di troppo

23:59:60. Così, alla fine della giornata del 30 giugno, apparivano i quadranti degli orologi atomici che misurano il tempo UTC (Tempo coordinato universale). Non si è trattato di un malfunzionamento, tutt'altro: quel secondo in più è stato aggiunto per avvicinare il tempo universale al tempo solare.

Piovono note

Anche la filosofia dell'industria musicale si muove in direzione della "nuvola": saremo pronti ad alleggerire i nostri dispositivi da GB...