venerdì, Aprile 3, 2020

archivecrescita

Pubblicità onesta (per lo scarabeo-rinoceronte)

COSTUME E SOCIETÀ - Se sei una femmina di scarabeo rinoceronte giapponese il consiglio è di guardare le dimensioni del corno del tuo pretendnete, e null'alltro (meno che meno le dimensioni dei genitali): solo quello ti darà garanzia della prestanza del tuo aspirante partner. Il corno infatti è un indicatore "onesto" dello stato di salute e nutrimento dell'individuo, in pratica solo un individuo sano e ben nutrito può avere un corno ben sviluppato. I maschi della specie portano infatti sul muso una protuberanza cornea che può arrivare a misurare fino a due terzi delle lunghezza totale del corpo, anche se la dimensione varia parecchio da individuo a individuo. Uno studio pubblicato su Science ha ora scoperto i meccanismi ormonali che regolano la crescita del corno

Questione di vasi

NOTIZIE - Con l’arrivo della bella stagione si moltiplicano i tentativi da parte di giardinieri fai-da-te di rendere il proprio terrazzo un piccolo e fruttuoso orticello. Per tutti i pollici verdi in erba (gioco di parole dovuto) arriva una novità dalla biologia. Uno studio presentato qualche giorno fa al meeting annuale della Società di Biologia Sperimentale dimostra, per la prima volta in maniera rigorosa, che il grado di crescita di una pianta dipende dalla grandezza del vaso che la contiene, dimensione che è percepita dalla pianta stessa attraverso le proprie radici. I ricercatori del centro tedesco di Julich, nei dintorni di Colonia, hanno analizzato 65 piante cresciute in altrettanti vasi, tre le quali pomodori, cactus, mais, piante del cotone, barbabietole da zucchero e grano, osservando che tutte le piante raggiungono dimensioni maggiori se cresciute in vasi più grandi. In media, raddoppiando la misura del vaso le dimensioni aumentano del 43%.

Come gli ormoni controllano la lunghezza delle dita

SALUTE - Guardate le vostre mani: l'anulare è più lungo o più corto dell'indice? Se già non lo sapete, statisticamente le donne hanno l'indice più lungo, mentre è vero il contrario per gli uomini. Questa non è una novità. Ora però un team di ricercatori dell'Istituto Medico Howard Hughes in Florida ha monitorato nel dettaglio come la lunghezza (assoluta e relativa fra anulare e indice) delle dita viene regolata dagli ormoni sessuali.