venerdì, Maggio 7, 2021

archiveepidemiologia

La Peste nera potrebbe tornare

A metà del 500 d.C., un'epidemia di peste, nota come la Peste di Giustiniano, mieté circa 25 milioni di vittime e si diffuse in Asia, Nordafrica, Europa e nella Penisola arabica. Ottocento anni dopo, un'epidemia simile, la Peste nera, causò la morte di un terzo della popolazione continentale: le stime si aggirano sui ai 50 milioni di decessi.

Vedono rosso

CRONACA - Capita che a uno strumento montato un satellite vengano le traveggole, ma è più difficile che capiti nello stesso momento a un radar, a uno spettro-radiometro e a un rilevatore di microonde montati su satelliti diversi.

Fate passare?

AMBIENTE - Su Science è uscita una ricerca che interesserà dai governanti (onesti) ai semplici cittadini soprattutto se collaborano con associazioni umanitarie e ambientaliste. Da leggere prima del vertice della Terra "Rio 92 + 20". Prima di tutto complimenti a Elisabetta Vignati e Luca Pozzoli dell'Istituto per l'ambiente e la sostenibilità al Joint Research Centre di Ispra. E per non essere sciovinisti, anche ai loro 21 coautori guidati dal climatologo Drew Shindell del centro Goddard-NASA a New York. Hanno testato 400 misure già applicate oggi per tagliare le emissioni di metano e di black carbon, il particolato di fuliggine e ozono che sosta sopra l’Asia meridionale, per esempio, in una grande nube bruna. Sono sostanze dette “climalteranti” che riscaldano l’atmosfera, anche se a tempo e distanze più brevi, più dell’anidride carbonica. Questa ha un effetto serra determinante perché è ben miscelata e una parte scalda cieli e mari per centinaia di migliaia di anni.

Se abitate lungo il golfo del Messico

SALUTE - Il Gulf Long-Term Follow-Up Study, diretto dall'epidemiologa Dale Sandler, è iniziato il 28 febbraio con l'invio dei primi questionari a volontari e lavoratori che hanno partecipato alle operazioni successive all'incidente per limitarne i danni, e ad alcuni residenti sulle coste di Texas, Alabama, Louisiana, Mississippi e Florida, principalmente. Finanziato anche con 6 milioni di dollari da BP, che non ha partecipato alla progettazione e non potrà intervenire nell'analisi dei dati, recluterà 55 mila volontari che dopo una visita medica e vari esami, verranno seguiti per 5 anni con questionari biennali ed eventualmente altre visite.

Virus e virologia senza frontiere

SALUTE - Sul prato dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Tre Venezie a Legnaro, vicino a Padova, martedì la virologa Ilaria Capua ha brindato con un...
1 2
Page 2 of 2