mercoledì, Agosto 4, 2021

archiveHeartland Institute

Yes, we do!

Cade il primo anniversario di un colpo basso, detto Fakegate, costato allo Heartland Institute la reputazione e molti donatori per cui ha dovuto ridimensionare la lotta contro le scienze e gli scienziati del clima. Per fortuna, può contare tuttora su un manipolo di volontari italiani.

Comunicare l’antiscienza, lectio magistralis

All'inizio del mese, compariva a Chicago un cartellone pubblicitario dello Heartland Institute per promuovere la sua conferenza del 21-23 maggio contro le ricerche sul clima. Era il primo di una serie che comprendeva tra gli altri Osama Bin Laden, Fidel Castro e Charles Manson. Il successo è stato immediato e va crescendo.

Denial-gate

ECONOMIA - In occasione della San Valentino, un "Insider" dello Heartland Institute, di Chicago, ha distribuito a una dozzina di blogger e giornalisti il bilancio 2011, il budget 2012, il piano per raccogliere 7,7 milioni di dollari, alcuni memo per il Consiglio di amministrazione e la "strategia sul clima" per l'anno in corso. Abbiamo già elogiato le iniziative di questo "ente caritativo esentasse" che nega l'effetto serra delle nostre emissioni di gas serra e difende con coraggio la libertà delle aziende di inquinare e di ostacolare ogni legge a difesa dell'ambiente e dei suoi abitanti. Abbiamo anche traboccato d'orgoglio nazionale quando tra gli "esperti" del rapporto "Non-IPCC" che doveva smentire quello dell'IPCC, aveva reclutato Franco Battaglia (sopra, la traduzione italiana del professore).