venerdì, Ottobre 30, 2020

archiveMETEO

Una primavera molto piovosa

Forse è la volta buona. Da qualche giorno è tornato il sole e fa caldo, insomma l’estate sembra essere alle porte, pronta ad archiviare la piovosa primavera 2013. Da oltre 75 anni, infatti, non era mai caduta così tanta acqua a primavera.

Imbacuccatevi

In Europa, l'era glaciale che il dott. Vincenzo Zappalà (1) riteneva prossima è iniziata con l'ondata di freddo in corso dal 21-22 luglio come previsto dall'esperto di TeleMaremma (sic), Roberto Madrigali.

Marzo asciutto

CRONACA - Il CNR ha diffuso oggi il dato meteo sul mese appena finito, che è piuttosto anomalo. Si tratta infatti del terzo marzo più caldo dal 1800 ad oggi. Si parla di +2.3 gradi sopra la media del periodo di riferimento 1971-2000, e si piazza dopo il 1994 e il 2001. L'anomalia, continua il comunicato, è stata più pronunciata al nord, dove si è addirittura registrato un +3.2°C. Ma non sono solo le temperature a essere anomale, anche le precipitazioni sono state molto scarse: -52% rispetto alla media del periodo di riferimento. Si tratta cioè del venticinquesimo posto nella graduatoria dei marzo più secchi di sempre, e anche in questo caso l'anomalia è stata più pronunciata al nord dove, in media, è arrivata quasi a -70%. La siccità in realtà sta durando da molti mesi, spiega ancora il CNR, soprattutto nel settentrione dove, da agosto 2011 a marzo 2012 (con l'eccezione di ottobre), tutti i mesi hanno fatto registrare un - 38% rispetto alla media degli stessi otto mesi nel periodo 1971-2000. Nel complesso, il periodo agosto-marzo 2011-2012 si colloca nel Nord Italia al quinto posto tra i più secchi.

Effetti meteorologici delle eclissi

CRONACA - Finora le testimonianze anedottiche secondo cui in corrispondenza delle eclissi di Sole i venti terrestri si modificano non era mai stata verificata scientificamente. Un nuovo studio pubblicato sui Proceedings of the Royal Society A porta ora dati sperimentali a supporto della credenza comune. Giles Harrison e Suzanne Gray dell'Università di Reading nel Regno Unito hanno preso i dati meteorologici precedenti a un'eclisse del 1999 e con questi hanno messo a punto una simulazione del tempo meteorologico in quel lasso di tempo, facendo una valutazione dei venti "come se non ci fosse stata l'eclisse" nelle ore corrispondenti all'eclisse appunto (nelle zone interessate dalla stessa, comprese per esempio la Cornovaglia e buona parte dell'Inghilterra)

MrPod – Torrido inverno

"Avete tempo fino al 30 settembre per imparare la differenza fra clima, una tendenza di lungo periodo calcolata su decine e decine di anni, e tempo, quello che accade ora fuori dalla vostra finestra!" MRPOD - Così un programma satirico britannico prende in giro l'ignoranza che fa dire: "piove, che fine ha fatto al riscaldamento globale?" Che dire allora di questo caldo inverno? mentre si moltiplicano gli allarmi (flora alpina in pericolo per la fioritura precoce e siccità negli USA) il CNR diffonde il dato sul 2011, terzo anno più caldo dal 1800 (in Italia). Ne abbiamo palrato con Michele Brunetti, ricercatore all'Istituto di Scienze Atmosferiche e del Clima di Bologna (CNR).

Greenjobs: il previsore meteo

AMBIENTE - Che tempo farà domani? è forse la domanda che ci poniamo più spesso nelle nostre giornate. Il meteo ci condiziona eccome. Non solo per decidere come vestirci, se prendere l'ombrello, se ci sarà più traffico o se merita la gita al mare. Le condizioni meteorologiche sono determinanti per settori economici come agricoltura e turismo, per prevenire disastri ambientali, fino ad influire sull’umore e la salute dei cosiddetti "meteoropatici". Meteo vuol dire però anche passione. Nuvole, fulmini, temporali, trombe d’aria, nevicate record, affascinano migliaia di appassionati che alimentano con video e foto siti internet e social network. Ma chi c’è dietro alle previsioni meteo? Mentre tutti dormono e la vita rallenta, loro passano la notte davanti a radar e computer a interpretare i fronti che avanzano. Sono i previsori meteo, i primi a sapere come come gireranno le nuvole. Arturo Pucillo, laureato in Fisica, previsore all’Osservatorio meteo dell’ARPA del Friuli Venezia Giulia ci parla di questa particolare
1 2
Page 1 of 2