mercoledì, Dicembre 2, 2020

archivemobilità sostenibile

AMBIENTE

Hybrid Air, un programma per auto ecologiche

Automobili “ad aria”, o meglio: ad azoto compresso. No non si gonfiano come palloncini e no, non hanno neanche pale eoliche al posto del tubo di scappamento. Però sono Peugeot, e per quanto strana possa sembrarvi l'idea, in base a quanto si legge sul sito della casa automobilistica potrebbero arrivare sul mercato entro pochi anni, prodotte in massa, efficienti e pulite.
SPECIALI

Quando nel traffico si incontra l’informatica

SPECIALI - Efficienza, sicurezza, rispetto dell'ambiente, comfort e accessibilità sono i benefici che la mobilità sostenibile dovrebbe portare con sè. Non è facile raggiungere questi obiettivi in un paese come l'Italia, dove il traffico di merci e passeggeri è intenso e disomogeneo. Nel 2010, il volume di persone che si sono spostate all'interno del territorio nazionale era pari a 915.663 milioni di passeggeri-km. La situazione ai limiti della saturazione, è anche aggravata dal fatto che il 91,86% degli spostamenti avviene su strada, mentre il restante 8,14% è suddiviso fra tutti gli altri sistemi di trasporto. Lo stesso accade per le merci, il movimento delle quali avviene per il 61,93% sull'asfalto.
AMBIENTEINFOGRAFICHESPECIALI

Imbottigliati

Muoversi in città? Un incubo. Quasi un europeo su due ha difficoltà a viaggiare in città. A dirlo è l’indagine Eurobarometro “Attitudes of Europeans towards urban mobility” che analizza gli atteggiamenti degli cittadini comunitari verso la mobilità urbana.

Il sorpasso delle due ruote

Sarà forse un effetto della crisi economica, ma per la prima volta in 48 anni il numero di biciclette vendute ha superato le auto immatricolate. Se nel 2011 il sorpasso è stato lieve, 1.750.000 biciclette contro 1.748.000 veicoli, l'anno scorso il distacco è stato netto, 1.650.000 biciclette contro 1.400.000 veicoli.

AAA cercasi bici in città

AMBIENTE - L'Italia non è un Paese per biciclette. Almeno nelle grandi città. Poco importa se finalmente le bici potranno andare in contromano o se la campagna #salvaiciclisti ha raccolto finora più di 20mila adesioni, gli ultimi dati elaborati da Legambiente evidenziano una mobilità ciclabile piuttosto bassa. E non è solo un problema di mancanza di piste ciclabili. Lo studio ha infatti analizzato l'utilizzo della bici nelle città utilizzando l'indicatore del modal split che misura il numero degli spostamenti effettuati in città con i diversi mezzi di trasporto, classificando poi, quelli fatti a piedi, in bici e con il mezzo pubblico come “sostenibili” e quelli in moto e auto come “insostenibili”.
1 2
Page 1 of 2