mercoledì, Novembre 25, 2020

archiveNational Geographic

L’arca di Joel

JEKYLL – Joel Sartore, storica firma del National Geographic Magazine, è un moderno Noè: lui, gli animali, non li salva...

Ötzi scongelato

CRONACA - Poco più di un'anno fa la mummia di Iceman è stata scongelata per quella che i media han definito un'autopsia (ma gli scienziati preferiscono chiamare un prelievo di campioni). Pochi giorni fa National Geographic, che ha seguito e in parte sponsorizzato la vicenda, ha reso pubblico un servizio sull'evento e ha realizzato questo timelapse. OggiScienza ha raggiunto al telefono Marco Samadelli del Museo Archeologico dell'Alto Adige, che ha seguito la delicata procedura e che ci fa il punto su quanto è emerso sull'uomo di Similaun nel recentre congresso internazionale sulle mummie tenutosi a Bolzano. Qui sotto trovate l'intervista. Buon ascolto!

Quando l’inquinamento arriva nelle grotte

NOTIZIE - 121 grotte inquinate, 247 ostruite, 19 sparite: ad oggi questi sono i numeri che testimoniano l’inquinamento delle grotte dell’altipiano carsico. Il risultato di anni d’incuria e illegalità, durante i quali nelle grotte sono stati riversati liquami industriali, idrocarburi, acque fognarie di case private, e chiunque vi ha gettato oggetti di tutti i tipi, dai motorini ai residuati bellici ai pezzi di Eternit, come se le grotte fossero comodi immondezzai ad uso comune. Nel 2010 la situazione è diventata di dominio pubblico, quando a gennaio è stato pubblicato su National Geographic l’articolo di Fabio Dalmasso, sceso nelle grotte assieme agli speleologi triestini Claudio De Filippo e Roberto Trevi, e al fotografo Fabio Liverani.

Pelle spray

Sperimentato con successo uno "spray" a base di cellule staminali che rivoluziona il trattamento delle ustioni.

Veolia: natura spettacolare in mostra

ARTE, MUSICA & SPETTACOLI - Se sei un fotografo naturalista hai due sogni nel cassetto; pubblicare le tue foto su National Geographic e vincere il Veolia, il concorso fotografico organizzato dal Museo di Storia Naturale di Londra e dal BBC wildlife magazine. Il concorso, giunto alla 47esima edizione, premia la miglior foto in assoluto e la miglior foto di un giovane fotografo (età massima 17 anni). A differenza di molti concorsi il Veolia è aperto a tutti, professionisti e amatori. In palio soldi e una carriera (quasi) garantita.