Salva la rana

Tree frog (crediti Adam L)La rana, e gli anfibi in generale, versano in cattive acque: questo è l’allarme lanciato ieri dalla comunità scientifica in occasione del primo Save the Frogs Day


Secondo la Save the Frogs Foundation, di Centreville, in Virginia negli Stati Uniti, circa un terzo delle specie al mondo – 6.137 in tutto – sono sull’orlo dell’estinzione. Una delle minacce più serie è costituita da un fungo della pelle della famiglia dei citridi che interferisce con l’abilità dell’epidermide degli anfibi di assorbire acqua e ossigeno. I primi casi di questa malattia nelle rane sono stati osservati nel 1999 ma ormai si è diffusa in tutti i continenti. Quando un fungo colpisce una comunità fino all’80% degli individui muore entro un anno.

Gli altri elementi nocivi includono la distruzione dell’habitat, l’inquinamento e i pesticidi, il riscaldamento globale e le specie invasive. Molti sono gli accorgimenti che possono ridurre questa strage. Per esempio usare di evitare il pesticida della Monsanto Roundup, letale per molte specie di anfibio, evitare di liberare specie di pesce non locali negli stagni, non comprare animali catturati e usare meno acqua nella nostra vita quotidiana.

Negli Stati uniti è in atto un vero e proprio censimento di questi animali: chi vuole può iscriversi al sito Frogwatch USA, un programma promosso dalla National Wildlife Federation, che richiede espressamente la partecipazione attiva della cittadinanza.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

2 Commenti

  1. Vorrei sapere se questo fungo può essere trasmesso anche attraverso l’acqua del rubinetto di casa poichè in questo momento la mia piccola rana da acquario di acqua dolce fredda, che passa tutta la sua esistenza immersa (non so di che razza si tratti, è piccola, circa 3,5cm quando è distesa, grigia di forma oblunga con zampe molto lunghe e corpo esile)sta morendo coperta da una specie di mucillagine biancastra che sembra proprio soffochi la sua pelle. La ranocchia in questione è nel mio acquario da quasi due anni, comprata regolarmente in un negozio specializzato. Sostituisco l’acqua dell’acquarietto circa una volta al mese poichè è in funzione una pompa di ricorcolo e la rimpiazzo con acqua del rubinetto (acquedotto di Genova) che lascio a stabulare in bottiglie di plastica dell’acqua minerale per parecchi giorni. Grazie, saluti

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: