Da bambino ad adulto: il cervello modifica le connessioni

Il cervello si riorganizza durante lo sviluppo (Meghan Meyer)

Il cervello si riorganizza durante lo sviluppo (Meghan Meyer)

Come cambia la rete di comunicazione all’interno del cervello nello sviluppo da bambino a giovane adulto? È la domanda che si sono posti Kaustubh Supekar, Mark Musen e Vinod Menon della Stanford University School of Medicine e hanno trovato significative differenze nell’organizzazione e nel flusso delle informazioni e delle comunicazioni.

Per scoprirlo hanno confrontando l’attività del cervello di bambini dai 7 ai 9 anni con quella di giovani adulti dai 19 ai 22 anni. È noto che nel passaggio tra queste due fasce di età avvengono degli enormi cambiamenti strutturali, ma i ricercatori volevano scoprire se questi cambiamenti corrispondono a delle modifiche funzionali. Per questo è stata usata la risonanza magnetica funzionale (fMRI) dove il maggiore flusso di sangue che, è un indice di una maggiore attività cerebrale, produce delle zone più illuminate nell’immagine. Hanno inoltre ipotizzato che le regioni che si illuminano contemporaneamente sono coinvolte nello stesso tipo di attività. I soggetti sono stati analizzati a riposo senza dare loro nessun compito specifico, in modo da registrare le funzioni di base del cervello. Con la tecnica del diffuse tensor imaging (DTI) sono stati anche in grado di misurare quantitativamente la connettività delle fibre cerebrali nelle diverse parti del cervello.
È risultato che il cervello degli adulti è più gerarchico e le regioni di attività sono più ampie e collegano zone più lontane rispetto a quello dei bambini. La maggiore gerarchia permette una maggiore capacità di controllo dei processi di informazione ma risulta anche in una maggiore vulnerabilità a un’interruzione delle comunicazioni. Il cervello dei bambini è meno gerarchico ma meno vulnerabile.
Inoltre nel cervello dei bambini ci sono le connessioni tra le regioni subcorticali e quelle corticali sono in numero superiore e sono più forte, mentre nei giovani adulti sono più forti le connessioni nelle regioni corticali. Queste differenze sono correlate con l’aumento di una sostanza, la mielina, che avviene nel passaggio da infanzia all’età adulta e che era già stato scoperto da studi precedenti. La mielina ha l’effetto di rafforzare la connessione tra le fibre, e questo nuovo studio conferma che influisce sulle funzioni del cervello in modo determinante.
La ricerca è stata pubblicata nel numero di luglio di PloS Biology.

3 Commenti su Da bambino ad adulto: il cervello modifica le connessioni

  1. La riconfigurazione cognitiva ed emozionale della struttura cerebrale , persegue una strategia che tende ad adattare la struttura cerebrale alle informazioni ricevute creando un sistema gerarchico che diviene con l’ eta’ meno flessibile, sia per la perdita di neuroni, che per il rafforzamento delle interconnessioni dendritiche. Cio corrisponde normalmente ad una diminuzione elle potenzialita creative dell’ adulto, che vengono recuperate in vari casi dall’ anziano che perde la forza delle interconnessioni con la memoia a lngo termine, e che pertanto in certo qual modo ridiventa bambino facendo il nonno . Un cordiale saluto Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com

    http://www.ecplanet.com/blog/archive/2009/07/25/tappe-evolutive-del-cervello.html?mod=1&sent=1249725820#com

  2. Post interessantissimo, ho trovato alcune risposte, complimenti.

  3. Sarei grato se mi fosse data una risposta: Nell’adulto in età avanzata poi che fine fanno queste connessioni? Vengono ulteriormente modificate magari negativamente per arrivare
    all’Alzaimer o anche al Parchinson ? Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: