La morte dell’antropologo Claude Lévi Strauss

Levi-Strauss1939
Claude Lévi-Strauss in Brasile

Poche settimane prima di compiere 101 anni, il famoso antropologo francese, importante figura della cultura del XX secolo, è morto a Parigi il 31 ottobre.

Ieri, giovedì 5 novembre, la prestigiosa Académie Française ha tributato i suoi onori a Claude Lévi Strauss considerato il fondatore della moderna antropologia.
Prelevò lo strutturalismo dalla linguistica e lo applicò all’antropologia: tutte le società umane seguono delle strutture simili di pensiero e di comportamento, come emerge dall’analisi dei miti. Secondo Lévi-Strauss la cultura è un sistema di comunicazione simbolico, che può essere studiato usando i metodi utilizzati per altri settori: romanzi, discorsi politici, sport e film.

Il suo pensiero ha fra l’altro contribuito a sfatare la credenza che le società indigene fossero primitive e selvagge, e che la società occidentale sia l’unica veramente avanzata.

673px-Triangle_culinaire.svg

Lévi-Strauss nacque in Belgio il 28 novembre 1908 e studiò filosofia all’Università della Sorbonne di Parigi. Visse alcuni anni in Brasile ed è sull’esperienza acquisita sul campo in questo paese che è fondata la sua teoria. Fuggì negli Stati Uniti quando la Francia fu invasa dai nazisti e tornò nel 1948. Ricevette onorificenze da università di tutto il mondo e tenne la cattedra di Antropologia sociale al Collège de France (1959–1982). Nel 1973 fu eletto membro dell’Académie Française.
A proposito dell’omonimia con la famosa marca di jeans, scherzava dicendo che non passava anno senza che ricevesse almeno un ordine per un paio di jeans.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: