CRONACA

La geografia del tempo

Identificata una nuova classe di sinesteti, individui che percepiscono il tempo in forma spaziale

NOTIZE – Ho sempre aftto fatica ad immaginarmi il tempo come una quarta dimensione, simile alle altre tre dello spazio. Si vede che oltre a essere ignorante in fisica non ho nemmeno un barlume di quella capacità sinestesica da poco scoperta da David Brang, del Dipartimento di psicologia dell’Università della California di San Diego, in un ristretto gruppo di individui.

La sinestesia è una condizione dove un senso è mescolato con un altro: per esempio certi individui sinestesici percepiscono le note di una melodia come diversi sapori, altri vedono le lettere dell’alfabeto o i numeri sottoforma di colori e via dicendo. “In generale, [questa nuova classe di sinestesici] percepisce i mesi dell’anno sotto forme circolari, come delle immagini mentali,” ha spiegato Brag.

Uno dei soggetti individuati dallo scienziato riusciva addirittura a vedere l’anno “come un anello circolare intorno al proprio corpo, che nel corso dei mesi “ruotava” in senso orario in modo che il mese corrente fosse sempre di fronte al suo petto”.

Non tutti i soggetti di Brag avevano una sinestesia così vivida, nonostante ciò, su 183 studenti esaminati, quattro hanno dimostrato di avere questo tipo di legame fra la percezione del tempo e  quella dello spazio. Duranti gli esperimenti (i risultati sono pubblicati sulla rivista Consciousness and Cognition) i soggetti dovevano visualizzare i mesi dell’anno e costruirne una rappresentazione sullo schermo di un computer. Dopo quattro mesi venivano richiamati e veniva mostrato loro uno schermo vuoto. Su questo schermo dovevano selezionare una posizione per ogni mese.

Quattro studenti sono risultati sinestesici in quanto disponevano i mesi in una distribuzione spaziale circolare consistente fra le varie prove. In un secondo test, sinestesici e non sintestesici erano confrontati in una prova di memoria spaziale (dovevano memorizzare una calendario sconosciuto e riprodurlo). Ovviamente i sinestesici sono risultati di gran lunga migliori degli altri.

Secondo Brang la sinestesia spazio-temporale ha luogo quando i processi neuronali dell’analisi spaziale sono insolitamente attivi. “Questo processamento accresciuto potrebbe generalizzarsi ad altre funzioni dell’analisi spaziale – rotazione mentale, navigazione in una mappa, manipolazione spaziale,” ha ipotizzato lo scienziato.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

7 Commenti

  1. forse erano i più….scemi! Ma soprattutto scemo é colui o colei che compiue certi studi convinto magari di essere importante. E intanto il Mondo sta andando in rovina, la gente muore a migliaia di fame e di stenti, le prepotenze aumentano e noi, eroi da palestra crediamo di aver fatto tanto studiando i ….sinestetici! Ciao Franco

  2. Personalmente cerco di capire come il cervello funzioni e come possa sviluppare idee creative per risolvere i problemi complessi di questa societa certamente sviluppando concezioni diverse da quelle tradizionali ormai obsolete. vedi http://www.edscuola.it/lre.html.
    Studiando il funzionamenti del cervello, i suoi condizionamenti e manipolazioni ecc.. , certamente anche la sinestesia diventa un campo di indagine importante , poiche puo’ far capire come i cervelli si formino con diverse attitudini di decifrazione dello spazio e del tempo.
    Buona Pasqua . paolo manzelli pmanzelli@gmail.com

  3. Non ho ben capito…
    Io è tutta una vita che visualizzo l’anno come un cerchio attorno a me, diviso in mesi e poi in settimane e giorni… ogni giorno è a sua volta un ulteriore cerchio (direi più un’elissi).
    Tutte le volte che ho cercato di spiegare questa cosa, ho trovato opinioni perplesse, mentre a me sembrava èpiù che naturale… sarei uno di sti sinestetici?

    1. anche per me i mesi dell’anno sono collocati nello spazio,ma definiscono una sorta di “ellisse squadrata”anche i suoni sono speciali ,quando suonavo a pianoforte mi arrivavano colorati,con il tempo ho saputo della sinestesia

  4. Io ho scoperto per puro caso che ero sinestetica, guardando la Tv.
    Ho sempre “visto” i mesi dell’anno, basta solo che pensi ad un mese, oppure se qualcuno si riferisce ad uno di essi, ecco che me li vedo.
    Vedo, però, soprattutto gli anni che non sono in cerchio come i mesi, ma sono disposti in modo irregolare nello spazio, idem se devo pensare alla mia età, o all’età di qualcun’altro.
    Personalmente la sinestasia fa parte di me, e non la cambierei per nulla al mondo 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: