LA VOCE DEL MASTER

Un pianeta in salamoia

LA VOCE DEL MASTER – Il 2 novembre 2009 l’Agenzia Spaziale Europea ha lanciato in orbita il satellite Soil Moisture and Ocean Salinity (SMOS), e dopo circa quattro mesi di attività sono state rilasciate le immagini dei primi rilevamenti.
La missione di SMOS è di analizzare la salinità degli oceani e l’umidità del suolo, misurando le microonde emesse dalla superficie terrestre.
Questi dati sono necessari per compiere studi idrogeologici approfonditi e per comprendere meglio la circolazione delle acque oceaniche. Lo scopo è quello di migliorare i modelli climatici attuali e la gestione delle risorse idrogeologiche.
Cosa ci dicono queste immagini e in che modo i dati di SMOS contribuiranno alle attuali ricerche? A OggiScienza ne parla Pierre Maire Poulain, coordinatore del gruppo Sire, del dipartimento di oceanografia dell’OGS di Trieste.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: