CRONACA

Elfi e spiritelli nella tempesta

Usando delle telecamere ad alta velocità i meteorologi studiano i fenomeni luminosi atmosferici

NOTIZIE – Durante una tempesta nell’atmosfera possono aver luogo fenomeni luminosi di varia natura. In particolare in uno studio pubblicato da poco sulla rivista Journal of Geophysical Research, Joan Montanyà, del Dipartimento di energia elettrica all’Università politecnica della Catalogna, in Spagna, e colleghi hanno sudiato i fenomeni tipici della mesosfera (fra 50 e 85 chilometri di altezza) noti col nome di sprites (spriritelli) ed elves (elfi): i primi hanno uno svolgimento verticale, assomigliano a delle grosse carote di colore rossiccio, i secondi invece sono degli anelli luminosi che si espandono orizzontalmente alla velocità della luce.

“È la prima volta che in Europa siamo riusciti a usare dei video ad alta velocità per cogliere i fenomeni luminosi transitori degli strati alti dell’atmosfera,” ha commentato Montanyà. Gli scienziati hanno osservato che ci sono molti meno elves nelle tempeste che hanno luogo sopra la terra rispetto a quelli che avvengono sopra il mare. Le tempeste marine infatti sembrano provocare molti più fenomeni luminosi delle altre.

Montanyà e colleghi hanno anche osservato come gli sprite interagiscono fra loro e hanno scoperto molte cose sulla loro dinamica (per esempio che appaiono tipicamente a 20/30 chilometri di distanza dal fulmine e che durano circa 40 millisecondi)

“Tutti questi fenomeni sono legati alle tempeste, in particolare quelle invernali ma appaiono soltanto nei sistemi convettivi sulla mesoscala (di solito in fronti molto larghi). Questo produce lampi di energia molto alta e correnti elettriche estreme,” ha continuato Montanyà.

La telecamera ad alta velocità è stata piazzata sulla costa spagnola e ha monitorato la costa fra la Spagna e l’Italia a una distanza compresa fra i 400 e i 1000 chilometri dal sito.

“Comprendere la fisica dei fenomeni luminosi e degli eventi associati ci aiuterà a proteggerci meglio,” sottolinea lo scienziato, aggiungendo anche che questi studi possono aiutare a comprendere fenomeni come i raggi gamma da fonti esxtraterrestri, particolarmente abbondanti proprio sopra queste tempeste. Anche l’ESA infatti intende in futuro studiare questi fenomeni piazzando uno strumento specifico (che verrà lanciato nel 2013) fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

1 Commento

  1. Grazie per aver trattato di Transient Luminous Events (TLE) ovvero sprite, elves, ecc.
    Dall’inizio del 2009 il nostro network, Italian Meteor and TLE Network, sta conducendo un importante lavoro di coordinazione e di raccolta dati dopo le prime catture di sprite in Italia nel 2007

    http://www.ciph-soso.net/SOSO/TLE_Transient_Luminous_Events_del_2007.html

    L’attivita di IMTN ha portato alla registrazione di un Gigantic Jet, uno dei piu’ complessi ed estesi eventi di questa serie di fenomeni. Abbiamo presentato al recente convegno a Vienna dell’European Geoscience Union (EGU) un contributo sull’analisi di prossima pubblicazione
    http://ciph-soso.blogspot.com/2010/04/contributo-italiano-alla-osservazione-e.html

    Qui, la conferenza stampa del convegno EGU dove si parla delle nostre ricerche, ma anche del lavoro di Joan Montanyà.

    http://www.cntv.at/EGU2010/?modid=18&a=show&pid=79

    Cordiali saluti
    Renzo Cabassi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: