APPROFONDIMENTO

ITER lo vogliamo ancora?

Su Nature, Geoff Brumfiel conferma una voce che girava da un po’: i paesi europei che finanziano Iter –  il prototipo di centrale a fusione nucleare –  vorrebbero portar via 1,4 miliardi dai fondi europei del prossimo programma quadro, per pagare gli arretrati e riaprire il cantiere di Cadararache. Iter doveva costare 5 miliardi, oggi si prevede che ne costerà 15.

.
Dagli anni Settanta sento vantare la fusione, un’energia simile a quella del Sole,  come quella che risolverà i problemi energetici senza crearne altri. Il combustibile – deuterio, per esempio – costa poco, e la produzione d’elettricità così abbondante che basterà una centrale per continente, più una per l’India e la Cina, e lo sviluppo dell’umanità sarà garantito. Non mi convince: il sistema di ignizione inaugurato in California è ancora fermo al palo, quello di Italia e Russia fermo sulla carta. Per di più un quench come quello dell’LHC priverebbe d’energia un intero continente? Eh no, meglio spendere in ricerche sui pannelli solari a punti quantistici, come questa. O se proprio si vuol provare l’ebbrezza della fusione, almeno tentiamo di farla “tabletop”, come questa.

.

Forse oggi sono di cattivo umore, ma non trovo una buona ragione per ulteriori salassi.  Magari qualche passante ce l’ha?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: