mercoledì, Ottobre 28, 2020
ricerca

Itali@mbiente, il film ecologista che viene dal Web

Un film di denuncia sullo stato dell’ambiente italiano che parte dalla Rete.

WEB & NEW MEDIA – Il titolo, Itali@ambiente, è stato stabilito con un’apposita votazione e da quella @ è subito chiaro a tutti che Internet c’entra qualcosa. L’idea è partita dal geologo Mario Tozzi: un film corale sull’ambiente in cui sono gli stessi cittadini a fare da registi, sceneggiatori e cineoperatori. Una formula che potrebbe rivelarsi vincente visto che Life in a Day, il film-documentario prodotto da Ridley Scott e che è interamente prodotto con materiale caricato dagli utenti di Youtube, è già diventato un cult.

Si potrebbe dire che l’operazione segue il motto Think globally, act locally: pensa globale e  agisci locale, cioè se vuoi difendere l’ambiente parti dal territorio.

Il Manifesto del film nomina 10 tematiche da trattare:

1. consumo di territorio: ogni anno l’Italia ne brucia 250.000 ettari, come nessun altro in Europa;
2. perdita di habitat e biodiversità: l’Italia è il paese europeo a massima biodiversità
3. fiumi e laghi perduti: le acque dolci sono in grave stato di disagio, più di quelle marine
4. perdita delle coste e delle spiagge: il problema dell’erosione marina
5. perdita delle foreste e riforestazione
6. traffico urbano
7. desertificazione e perdita di suoli
8. cave e miniere
9. impianti industriali
10. rifiuti

Ma come si fa un film con centinaia di autori? Nel caso di Life in a Day, gli utenti avevano 24 ore di tempo (24 luglio 2010, tra le 00-1 e le 23.59) per inviare il loro contributo (tema: un assaggio della propria quotidianità) e successivamente la selezione, il montaggio e la regia “complessiva” è passata nelle mani dei professionisti.

AvoiComunicare, l’azienda che si è fatta carico del progetto ha invece deciso di affidarsi a un sito wiki per l’occasione, cioè l’organizzazione dei contributi (video, sceneggiature, proposte) è centralizzata in un’unico sito che è una sorta di Wikipedia personalizzabile. Video, immagini e documenti dei più diffusi formati si vanno archiviando, come pure le prime idee per amalgamare il tutto.  Mario Tozzi, geologo e divulgatore noto per la trasmissione Gaia – il pianeta che vive, supervisionerà gli aspetti scientifici e molto probabilmente il prodotto finale si reggerà sulla sua narrazione.

I primi file inviati sono in evidenza nella pagina di upload ed è chiaro che non sarà un lavoro facile dare omogeneità al prodotto e allo stesso tempo mantenerne la coralità: i video sono molto diversi, sia come tecniche che come stile ma già in queste fasi embrionali il progetto si dimostra piuttosto interessante, visto che i contributi denunciano situazioni gravi che, in un modo o nell’altro, stanno ricevendo pubblicità. Tra i vari casi, discariche abusive, inquinamento da metalli pesanti, cementificazione.

Per partecipare e cominciare da subito a collaborare è sufficiente registrarsi e seguire le linee guida generali del wiki, ma per il momento non ci sono, comprensibilmente, previsioni sulla data di distribuzione del prodotto finito, naturalmente via Web.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Stefano Dalla Casa
Giornalista e comunicatore scientifico, mi sono formato all’Università di Bologna e alla Sissa di Trieste. Scrivo abitualmente sull’Aula di Scienze Zanichelli, Wired.it, OggiScienza e collaboro con Pikaia, il portale italiano dell’evoluzione. Ho scritto col pilota di rover marziani Paolo Bellutta il libro di divulgazione "Autisti marziani" (Zanichelli, 2014). Su twitter sono @Radioprozac
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: