CRONACAULISSE

Luna: più terra che altro

CRONACA – La composizione chimica delle rocce lunari è straordinariamente simile a quella terrestre. Così simile da creare qualche problema all’ipotesi prevalente sull’origine della Luna, detta dell’impatto gigante. Secondo questa ipotesi, all’incirca 4,5 miliardi di anni fa un pianeta delle dimensioni di Marte (Theia per i planetologi) si sarebbe scontrato con la Terra, allora non completamente solidificata, liberando in orbita una gran quantità di detriti che avrebbero formato la Luna per condensazione. Ora, i modelli informatici per un evento di questo tipo indicano che almeno il 40% dei materiali che hanno dato origine al nostro satellite dovrebbe derivare da Theia. Significa che la composizione isotopica (cioè l’abbondanza relativa di isotopi, forme differenti di uno stesso elemento) per campioni lunari e terrestri dovrebbe essere differente. Questa, però, non è la storia che ci raccontano le rocce lunari, come conferma uno studio appena pubblicato su Nature Geoscience .

Un antefatto. Si sa già da tempo che la composizione isotopica dell’ossigeno è la stessa sia per la Terra, sia per la Luna. Il dato, però, non è in contrasto con l’ipotesi dell’impatto gigante, perché l’ossigeno è molto volatile ed è possibile che la Terra abbia scambiato gas con il disco di magma che ha dato origine al satellite, influenzandone la composizione. Junjun Zhang e colleghi, dell’Università di Chicago, hanno dunque deciso di battere un’altra strada, considerando un elemento più “affidabile”, il titanio. Sorpresa: anche in questo caso, le analisi di spettrometria di massa dicono che l’abbondanza relativa dei due isotopi di questo elemento è equivalente per i due corpi celesti.

Può darsi che questo significhi che la Luna si è formata in qualche altro modo, per esempio perché a un certo punto la Terra ha cominciato a girare su sé stessa così velocemente da espellere parte dei suoi materiali. Non è detto, però, che la teoria dell’impatto gigante debba essere per forza abbandonata: forse rimane valida e semplicemente ci sfuggono alcuni dettagli dell’evento. Per esempio, se il corpo che si è scontrato con la Luna fosse stato molto più grande di quanto finora ipotizzato, potrebbe aver influenzato la composizione chimica originale della Terra. Sia il nostro pianeta come lo conosciamo oggi sia il suo satellite, dunque, sarebbero in qualche modo “figli” di quel grosso pianeta.

Immagine: Syed Atif Nazir/NASA

Valentina Murelli
Giornalista scientifica, science writer, editor freelance

7 Commenti

  1. Scusate l’OT, ma volevo segnalare che il font utilizzato da Oggiscienza per i post risulta praticamente illeggibile in Chrome e non è il massimo della leggibilità neppure in Internet Explorer.
    Io credo che un blog come questo dovrebbe avere l’accessibilità come uno dei suoi punti irrinunciabili.

    1. accidenti, grazie della segnalazione. vedremo di risolvere il problema prima possibile

  2. Ahi ahi…non vorrei…ma bisogna ammettere che questo segna un punto a favore dei “complottisti” e cioè che l’allunaggio fu una messainscena colossal… Finora uno dei miei argomenti principali a favore dell’autenticità del fatto era proprio la composizione delle rocce che supponevo un pò diverse…ma a quanto pare sbagliando!? Il fatto che ci siano strumentazioni sulla Luna non significa che ci sia arrivato pure l’uomo. Su Marte ci stanno strumenti e macchinette terrestri ma non pare che ci abbia posato il piede pure qualche astronauta! Non mi piace questa riflessione: ma adesso che ribbattere agli alluno-scettici??!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: