CRONACAINFOGRAFICHE

Ecomafie del Nord: i numeri della corruzione e dell’abusivismo edilizio

CRONACA – Qualcuno ancora pensa che la mafia sia una prerogativa del Sud. In questo viaggio a caccia di illegalità emerge invece il quadro di una criminalità organizzata a dir poco radicata nelle regioni del Nord.

7.139 le infrazioni totali, 9.476 le persone denunciate, 9 quelle arrestate e 1.198 i sequestri: questi i numeri del ciclo illegale del cemento in Nord Italia negli ultimi 5 anni. Liguria al primo posto per numero di illeciti, seguono Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Ecco il resoconto riportato da Legambiente nel dossier Cemento S.p.a. su mafie, corruzione e abusivismo edilizio dal 2006 al 2010 nelle regioni settentrionali del nostro paese.

Se consideriamo l’incidenza delle infrazioni per unità di superficie la classifica mantiene pressoché lo stesso ordine, sebbene la Liguria, con un’incidenza di 33 infrazioni ogni 100 chilometri quadrati, sia ben al di sopra della seconda classificata, la Lombardia, che riporta un valore di 6.7.

Tra le venti province più colpite da questo tipo di illegalità ambientale i primi posti sono occupati da Imperia, Genova e Savona, a confermare una polarizzazione dell’azione mafiosa nell’Italia Nord Occidentale. Seguono Sondrio, Trento e Rimini. Precisiamo che nel caso specifico delle province i dati sono relativi all’intervallo 2007-2010.

In cosa si traduce l’ecomafia del ciclo del cemento? In consigli comunali corrotti, come nel caso di Bordighera e Ventimiglia, sciolti per l’alta infiltrazione della ‘ndrangheta, e in un alto tasso di abusivismo edilizio. Costruire abusivamente in aree molto fragili dal punto di vista idrogeologico e sfruttare il territorio in maniera distruttiva sta creando all’Italia un buco economico sempre più difficile da quantificare (e colmare) e costringe oltre 5 milioni di persone ad abitare in zone esposte al pericolo di frane e alluvioni. E tutti ci ricordiamo le conseguenze dell’alluvione dello Spezzino e della Lunigiana dello scorso 25 ottobre e di quella di Genova del 5 novembre.

3 Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: