AMBIENTEPOLITICAULISSE

Vogliamo la Costituzione Energetica!

POLITICA – La volete anche voi una “Costituzione Energetica” nel nostro Paese? Mi spiego meglio. L’anno scorso un gruppo di studenti di Fisica dell’Università di Trieste e dottorandi e giovani ricercatori di molti istituti internazionali, a seguito della catastrofe ambientale seguita al terremoto giapponese, si mette a lavorare per raccogliere e diffondere informazione oggettiva sulle conseguenze del disastrio di Fukushima. Lo stesso gruppo succesivamente si pone un obiettivo più ambizioso e cioè promuovere il raggiungimento di una strategia equilibrata di approvigionamento energetico a livello nazionale. Il gruppo chiede a gran voce la costituzione di una Conferenza Nazionale sull’Energia che punti a eleborare una Costituzione Energetica sulla quale fondare i piani strategici nazionali per l’approvvigionamento di energia.

Nonstante sembri che il nostro Governo si stia muovendo per mettere a punto un pianio energetico, l’ultimo varato in Italia risale purtroppo al 1988. Come denuncia il gruppo in un documento  – che fa una panoramica sullo stato dell’arte delle fonti energetiche, sulla produzione e i consumi italiani e sugli scenari futuri – allegato al sito “documenti, studi e rapporti statistici riguardanti il settore energetico sono periodicamente pubblicati da numerosi soggetti istituzionali e non […] Tuttavia questa mole di dati non conduce, come dovrebbe, all’assunzione di quelle scelte politiche che ne sarebbero la logica conseguenza”.

Se anche voi pensate che sia importante un approccio razionale, supportato da dati scientifici e oggettivi, un dialogo stretto fra ricerca e policy maker, ma soprattutto sia ugente l’attuazione di un piano energetico nazionale (basato sulle suddette valutazioni oggettive e non sui venti mutevoli della politica) potete aderire all’appello lanciato dal sito (lo trovate qui). Anche noi come Oggiscienza aderiamo!

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

2 Commenti

  1. Buongiorno. Mi è sembrata un’ottima iniziativa e, come scienziato, ho firmato l’appello. Tuttavia devo notare che un gruppo che giustamente pretende che ci sia uina conferenza nazionale in cui tuitte le voci, soprattutto quelle tecnicamente informate, siano ascoltate, dovrebbe per primo ascoltare le voci che si rivolgono al gruppo stesso con commenti e/o suggerimenti. E’ quanto avevo provato a fare anche io inviando un messaggio email ad uno dei portavoce, Pierluigi Totaro. Dopo una settimana circa, non ho ricevuto alcuna risposta. Saluti,

    Giancarlo Abbate

  2. Buonasera, mi dispiace e mi scuso per non aver tempestivamente risposto a tutti i commenti che mi sono giunti in questi giorni. L’iniziativa sta avendo un discreto successo, ma e’ portata avanti con tenacia e passione da un gruppo veramente ridotto di persone, che stanno gratuitamente sacrificando molte ore del proprio tempo libero.
    Ho risposto personalmente al dott. Giancarlo Abbate, che ringrazio nuovamente per le sue osservazioni e per i commenti al documento, redatto a supporto dell’iniziativa della Conferenza Energetica e liberamente scaricabile a questo indirizzo (http://conferenzaenergia.wordpress.com/scarica-il-documento/).

    Saluti,
    Pierluigi Totaro

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: