SALUTEULISSE

Il cervello bipolare

Crediti immagine: ho visto nina volareSALUTE – Alda Merini, e secondo gli esperti anche Napoleone, Leopardi, Van Gogh e molti altri ne hanno sofferto. Il distubo bipolare è una disfunzione psichiatrica che si manifesta con alterazioni anche gravi dell’umore e del comportamento, in cui si passa da fasi euforiche  a fasi depressive. È invalidante e può sfociare nel suicidio, dicono le statistiche (un morto eccellente sarebbe stato, secondo alcuni, Emilio Salgari, celebre scrittore di letteratura per ragazzi, il papà di Sandokan, per intenderci, morto in maniera piuttosto singolare e drammatica).

Già da tempo i medici ritengono fondata l’ipotesi che esista un origine biologica di questo disordine e uno studio australiano pubblicato su Biological Psychiatry rientra in questo filone. Il team di Philip Mitchell, dell’Università del New South Wales primo autore della ricerca ha osservato, tramite una risonanza magnetica funzionale, una differenza nel funzionamento cerebrale di alcuni giovani soggetti considerati a rischio. Questi ragazzi non mostravano alcun sintomo, ma avevano una storia di familiarità per il disturbo. In letteratura infatti è noto che esiste una predisposizione familiare (e quindi presumibilmente una base genetica) per il disordine bipolare e il team australiano ha voluto cercare se esistono dei “segni” che si possano associare alla malattia prima che questa appaia.

Nei testi i soggetti osservavano dei visi con espressioni emotivamente cariche o neutre. L’attività cerebrale monitorata con la risonanza ha mostrato che i soggetti a rischio avevano un attivazione meno marcata nelle aree che sono note avere un ruolo nela regolazione delle risposte emotive. Conoscere dati di questo genere è importante per identificare con maggiore correttezza le persone che potranno sviluppare in seguito un disturbo e interventre precocemente al fine di migliorare la loro qualità della vita.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

2 Commenti

  1. Sono bipolare sto imparando contenere questo disturbo oltre ai farmaci che prendo da solo ho capito quando il cervello è sotto stress aumenta la temperatura dello stesso mi faccio una doccia fredda almeno un minuto di acqua fredda sulla testa tutto mi passa e riesco a ragionare di nuovo bene considerate che lavoro sotto le serre a 50 gradi per nove ore al giorno immaginate quanto sia difficile per un bipolare questo lavoro ma non ce altro da noi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: