lunedì, Settembre 28, 2020
AMBIENTECRONACA

I cani rubano al buio

PortraitCRONACA – Sapersi mettere nei panni dell’altro comprendendone il punto di vista è una capacità unica, tipica solo dell’essere umano e dei primati.

Questo è quello che gli psicologi hanno creduto fino ad oggi. Ma uno studio condotto all’Università di Plymouth in collaborazione con il Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology smentirebbe questa teoria, aprendo nuove strade per interpretare il comportamento dei cani. Sebbene vadano riconfermati da ulteriori test, i risultati della ricerca, pubblicata anche sulla rivista Animal Cognition, mostrano che i cani sono in grado di valutare le percezioni e le capacità degli altri individui e, di conseguenza, il loro punto di vista. Non rispondono unicamente a stimoli dati.

Ecco come i ricercatori hanno testato le abilità canine: 42 cani, 42 padroni e un pezzetto di cibo.
Mentre i padroni vietavano al loro cane di mangiare il cibo messo in vista, gli sperimentatori modificavano le condizioni di illuminazione. Nel set la prima volta tutto è ben illuminato: sia il padrone che il cibo proibito. Nel secondo test il padrone è al buio e il cibo illuminato. Poi viceversa. Infine l’intera scena non è illuminata.

Se dessimo per buona l’idea iniziale secondo cui solo le scimmie sono in grado di capire le capacità dell’altro, allora i risultati dovrebbero indicare che l’illuminazione, per i cani, non è importante ai fini del furto. Ma in questo test non è stato così. I cani rubavano ben quattro volte più spesso quando sia il padrone che il cibo erano al buio dimostrandoci che anche loro sanno capire quando possiamo e quando non possiamo vederli. Tengono in considerazione la prospettiva altrui prima di rubare. Che questo sia un segnale del fatto che sono anche in grado di comprendere e “analizzare” i contenuti della mente dell’uomo? Chi ha un cane direbbe di sì.

Crediti immagine: The U.S. National Archives, Flickr

3 Comments

  1. Ma che gran scoperta!…Mi pare che tutte le bestie che vivono a contatto con altre e in determinati contesti sanno scegliere comportamenti di questo tipo! Gli scarafaggi di casa mia, dopo che di giorno n’avevo sterminati un bel pò, hanno adottato l’abitudine d’uscire soprattutto a notte, quando solitamente dormo…e appena accendo la luce fuggono a rintanarsi dentro qualche buco del muro, idem per i ratti ch’entravano nella cantina del mio condominio, li vedevi sgattaiolare (i topi s-gatta-iolano??) segretamente e silenziosamente di sera, al buio, quando nessun loro predatore o nemico era apparentemente presente!! I predatori in genere preferiscono agire all’ombra, se altrimenti si sentono minacciati… Basta questo per antropomorfizzare cani, topi e scarafaggi??

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sara Stulle
Libera professionista dal 2000, sono scrittrice, copywriter, esperta di scrittura per i social media, content manager e giornalista. Seriamente. Progettista grafica, meno seriamente, e progettista di allestimenti per esposizioni, solo se un po' sopra le righe. Scrivo sempre. Scrivo di tutto. Amo la scrittura di mente aperta. Pratico il refuso come stile di vita (ma solo nel tempo libero). Oggi, insieme a mio marito, gestisco Sblab, il nostro strambo studio di comunicazione, progettazione architettonica e visual design. Vivo felicemente con Beppe, otto gatti, due cani, quattro tartarughe, due conigli e la gallina Moira.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: