AMBIENTECOSTUME E SOCIETÀ

Climatologia = Bulgaria

winter-84723_640COSTUME E SOCIETÀ – Sulle Environmental Research Letters si legge che, secondo il 97% dei climatologi, il riscaldamento globale in corso è colpa dei gas serra che aggiungiamo all’atmosfera. Incredibile! Un’esigua retroguardia si ribella tuttora alla dura lex sed lex della fisica dei gas.

Conviene dire subito che i risultati di John Cook, Dana Nuccitelli e sette co-autori, più quelli ringraziati per il contributo, non si discostano molto dai precedenti. L’analisi di 928 pubblicazioni fatta da Naomi Oreskes e uscita su Science nel 2004 (consenso del 100%) e i sondaggi fra gli addetti ai lavori di Doran e Zimmerman e di Anderegg et al.  nel 2010 (consenso del 97%) avevano già dichiarato vinto il plebiscito. Cook et al. hanno usato più dati e una tecnica più rigorosa (1), “oltre che lunga e stancante”, dice il prof. Riccardo Reitano che lo sa per esperienza diretta.

Hanno preso dall’ISI Web of Knowlege i sunti di 11.944 articoli usciti su 1.980 riviste scientifiche tra il 1991 e la fine del 2011. Sono stati letti e valutati  almeno da un esperto e da un volontario anonimo sui 24 sui arruolati per la bisogna, e classificati in tre “posizioni”:  AGW (riscaldamento globale antropogenico),  neutrale, no-AGW (il riscaldamento non è antropogenico).

erl460291f3_onlineI sunti erano per lo più “neutri” nel senso che la ricerca non riguardava le cause dei cambiamenti climatici. Dei 4 mila che se ne occupavano, quasi 1.400 prendevano una delle 3 posizioni già nel sunto. Per controllare che la classifica fosse corretta, 1.200 climatologi hanno auto-classificato i propri articoli (3.000 in tutto) e gli “AGW” sono aumentati dello 0,2%. Se si calcola la percentuale delle firme, invece che dei sunti, il 98,4% dei climatologi si definiscono “AGW”, 0,7% “dubbiosi” e 0,3% “no-AGW”.

La differenza dello 0,2% si spiega: in caso di incertezza, autori e volontari sono stati più conservatori di John Powell e hanno messo il sunto nella categoria “neutra”.  D’altronde l’AGW è un fatto e parecchi ricercatori non lo precisano più, così come i geologi non precisano che la Terra è rotonda.

Se l’opinione pubblica sapesse gli scienziati così concordi, dice John Cook, sarebbe meno scettica sugli effetti dei gas serra e chiederebbe interventi per limitarli. Negli Stati Uniti è probabile, perché da 20 anni le campagne di comunicazione di politici e industrie hanno l’obiettivo di “manifatturare la controversia” con l’aiuto dei rari scienziati dissidenti. In Italia gli sforzi di meteorologi televisivicreazionisti e fautori della fusione fredda hanno avuto altrettanto successo? Risposta lunedì 20 maggio all’università Bocconi di Milano, quando sarà presentata l’indagine IPSOS  su come gli italiani percepiscono i rischi del cambiamento climatico.

(1) I lettori che vogliono replicare la ricerca possono accedere ai sunti, al metodo e ai “dati supplementari“, i dettagli della classifica saranno messo on line appena finisce la buriana mediatica. Entro il week-end, penso.

*

Crediti immagine: Public Domain Pictures, Pixabay

Grafico: John Cook et al., Environ. Res. Lett. 2013

1 Commento

  1. tu lo sai si’ che il consenso scientifico nulla ha di scientifico? Stai presentando la scienza come un enorme sondaggio secondo me.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: