ATTUALITÀ

Il futuro della peer review è a doppio cieco

6735929719_fa64ccda8f_oATTUALITÀ – Revisione paritaria, meglio nota come peer review: la valutazione di progetti di ricerca e paper scientifici da parte di specialisti del settore, per approvarne la pubblicazione su riviste specializzate. Negli anni il processo è divenuto fondamentale affinché uno studio venga riconosciuto come scientificamente valido, ma non è privo di difetti e possibili occasioni di cadere in bias (consciamente o meno). Tra le più recenti discussioni in merito vi è la possibilità di introdurre la peer review a doppio cieco, ovvero una revisione dei paper senza che gli esperti conoscano i nomi degli autori e viceversa. Secondo un recente studio su Conservation Biology, “Use of double-blind peer review to increase author diversity”, questa iniziativa permetterebbe l’accesso agli incarichi di alta responsabilità anche alle donne e alle minoranze, che al momento sono ancora grandi assenti molto poco rappresentati.

Non è tanto il ricercatore che conosce i suoi revisori il problema, quanto l’inverso. Ne è un lampante esempio la recente vicenda del metodo STAP (che abbiamo seguito qui e qui, e che si è conclusa qui), che appariva decisamente troppo bello per essere vero – infatti non lo era – e in cui, come si legge su Nature, molti scienziati hanno accettato i paper con una certa superficialità proprio in funzione della reputazione dei co-autori, che a differenza della meno nota autrice Haruko Obokata erano figure di spicco nella ricerca sulle staminali. La fama pregressa degli autori, o un gran numero di paper già pubblicati come garanti, possono -anche inconsciamente- fare la differenza, impedendo a ricercatori meno noti di emergere e riducendo, a volte, la qualità della peer review stessa.

Come spiega su Nature Mark Burgman, biologo dell’Università di Melbourne e caporedattore di Conservation Biology, la sua rivista sta sondando il terreno in merito da circa un anno, incontrando nei ricercatori un favore e un supporto alla peer review a doppio cieco decisamente entusiasti. Soprattutto nei più giovani, e in quelli appartenenti alle minoranze. Un primo esperimento è in corso su due riviste del Nature Publishing Group, Nature Geoscience e Nature Climate Change. Entrambe hanno offerto il servizio di peer review a doppio cieco tra le opzioni a disposizione dei ricercatori, e a partire dal dicembre 2013 la prima ha ricevuto richieste di revisioni in questa forma per il 15% di quelle totali pervenute, la seconda per circa il 22%.

Si tratta di piccoli numeri ma siamo agli inizi, e secondo gli esperti molti ricercatori non sono neanche a conoscenza di avere questa possibilità di scelta. Oppure temono che elaborare i paper in modo da eliminare i dati che rendono riconoscibili gli autori possa ritardare la revisione e, di conseguenza, l’eventuale pubblicazione. Come spiega Alastair Brown, condirettore di Nature Climate Change, il prossimo passo sarà sondare il terreno con i revisori e con gli scienziati autori stessi, per decidere se indicare o meno sul paper a quale tipo di peer review è andato incontro. “Questo procedimento rende il processo di revisione un po’ più scientifico”, commenta Brown, “eliminare la possibilità che si verifichino bias, anche inconsci, è certamente cosa buona”.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: AJ Cann, Flickr

Eleonora Degano
Biologa di formazione, oggi giornalista e traduttrice freelance specializzata in zoologia, etologia e cognizione animale; collaboro soprattutto con l’edizione italiana di National Geographic e faccio parte della redazione di OggiScienza. Nel 2017 è uscito il mio primo libro «Animali. Abilità uniche e condivise tra le specie» pubblicato da Mondadori Università. Lo trovate qui ➡ http://amzn.to/2i2diPu

7 Commenti

  1. L’ha ribloggato su Gianvito Scaringie ha commentato:
    Il futuro della peer review è a doppio cieco. Condivido il pensiero di Eleonora Degano apparso oggi sul blog Oggiscienza. Il doppio cieco è l’unico modo per garantire davvero un trattamento paritario agli autori che sottopongono i propri contributi alle riviste scientifiche.

  2. I vantaggi del doppio ceco sono cosi’ evidenti che io e’ anni (molti) che chiedo e mi chiedo come mai nessuno lo utilizza!
    Meglio tardi che mai: ben venga ora la doppia cecita’!

  3. è chiaro che il doppio cieco è più equo: si pensi al famoso studio in cui si dimostrava che lo stesso identico articolo veniva trattato più aspramente dai referees se il nome dell’autore era un nome femminile. Tuttavia, attualmente è facilissimo aggirare il doppio cieco, semplicemente consultando arXiv.org. In alcuni settori scientifici (come fisica particellare e nucleare), praticamente tutta gli articoli appaiono su arXiv prima di essere mandati ad una rivista. Omettere i nomi degli autori su arXiv sarebbe molto dannoso alla reputazione degli autori, perchè il volume di articoli postati è talmente enorme che ogni articolo viene letto (distrattamente e da pochi) solo quando appare per la prima volta. Revisioni successive ove compaiano i nomi degli autori passerebbero completamente inosservate.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: