giovedì, Giugno 27, 2019
SCOPERTE

La forma dei falò è universale

Da sempre, in ogni epoca, li abbiamo costruiti nello stesso modo, con lo stesso design. Perché solo uno è il fuoco perfetto e ora sappiamo perché.

fire-62730_1280

SCOPERTE – Che sia un fuoco da campeggio, un falò fatto sulla spiaggia, fuocherelli accesi in un caminetto, non importa: li costruiamo sempre nello stesso modo. Probabilmente il falò che prepariamo per cucinare le salsicce a una festa in spiaggia avrà la stessa forma di quello che poteva aver fatto un antico egizio mentre si preparava la cena dopo una lunga giornata passata a lavorare alla costruzione delle piramidi.

L’essere umano, insomma, prepara falò della stessa forma da sempre. E oggi sappiamo perché.

Su Scientific Reports Adrian Bejan, professore di ingegneria meccanica alla Duke University, ha mostrato che, a parità di varianti esterne (come ad esempio la scelta del tipo di legno), i fuochi migliori sono quelli che approssimativamente formano un triangolo che sia alto quanto la propria base. Perché questo consente il miglior flusso di aria e di calore e li rende più efficienti.

“Gli esseri umani di tutti i tempi hanno fatto affidamento su questa forma – ha spiegato Bejan – E la ragione è semplicemente che è la più efficiente per la circolazione dell’aria e del calore. Il nostro successo nel costruire fuochi ha reso possibile agli umani di migrare e di diffondersi in tutto il globo”.

fuoco perfetto

Leggi anche: Il senso dell’umanità per il fuoco

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Infografica: Sara Stulle

Sara Stulle
Libera professionista dal 2000, sono scrittrice, copywriter, esperta di scrittura per i social media, content manager e giornalista. Seriamente. Progettista grafica, meno seriamente, e progettista di allestimenti per esposizioni, solo se un po' sopra le righe. Scrivo sempre. Scrivo di tutto. Amo la scrittura di mente aperta. Pratico il refuso come stile di vita (ma solo nel tempo libero). Oggi, insieme a mio marito, gestisco Sblab, il nostro strambo studio di comunicazione, progettazione architettonica e visual design. Vivo felicemente con Beppe, otto gatti, due cani, quattro tartarughe, due conigli e la gallina Moira.

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: