Il ruolo del cervello nell’anoressia nervosa

Quando una persona che ne soffre decide che cibo mangiare, si mette in moto un'area cerebrale legata ai comportamenti ripetitivi e alle abitudini

plate-403597_1920

SCOPERTE – Quando una persona che soffre di anoressia nervosa decide che cosa mangiare, si mette in moto una regione del suo cervello che normalmente è coinvolta nel comportamento legato alle abitudini, lo striato dorsale. “Questa nuova scoperta potrebbe aiutarci a trovare dei collegamenti tra l’anoressia nervosa e disordini come l’abuso di sostanze psicotrope, il gioco d’azzardo e altre condizioni legate all’eccessiva attività in questa regione”, spiega Daphna Shohamy, tra gli autori dello studio.

La scoperta è appena stata pubblicata su Nature Neuroscience e ci aiuta a mettere un tassello in più nel puzzle di un disturbo alimentare che comprendiamo ancora troppo poco (ma è sempre più diffuso e i pazienti devono seguire un percorso terapeutico). Specialmente dal punto di vista dei meccanismi cerebrali coinvolti: capire come circuiti del nostro cervello legati al decision-making entrino in gioco in situazioni come queste potrà aiutare i ricercatori a migliorare i trattamenti per molti disturbi.

Grazie alla tecnica di imaging a risonanza magnetica funzionale, i ricercatori – un gruppo statunitense composto da scienziati del Columbia University Medical Center, del New York State Psychiatric Institut, del Mortimer B. Zuckerman Mind Brain Behavior Institute e della New York University – hanno potuto monitorare in tempo reale cosa succedeva nel cervello di un gruppo di volontarie, 21 donne che soffrivano di anoressia nervosa e altre 21 in salute, mentre sceglievano cosa mangiare.

Come ci si aspettava, le donne che soffrivano di anoressia nervosa sceglievano principalmente alimenti a basso contenuto calorico, una decisione associata all’attività dello striato dorsale. Allo stesso tempo entrava in gioco anche il circuito fronto-striatale (che nelle persone che hanno una dipendenza o un disturbo come l’OCD, il disturbo ossessivo compulsivo, è legato al ripetersi dell’attività o comportamento): un’attivazione che permetteva di prevedere che il giorno seguente le scelte alimentari non sarebbero state poi così diverse, ma sempre orientate a un pasto con poche calorie.

Joanna Steinglass, tra gli autori del nuovo studio, vede già le potenziali applicazioni della scoperta. “Siamo già al lavoro su un percorso di psicoterapia basato sui principi dell’inversione delle abitudine, per aiutare i pazienti che soffrono di anoressia nervosa a correggere il loro comportamento. Via via che aumenta la nostra comprensione dei meccanismi cerebrali coinvolti, si apre la strada verso nuovi target terapeutici”.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Binge eating disorder, tra farmaci e psicoterapia

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

 

Informazioni su Eleonora Degano ()
Giornalista pubblicista, traduttrice e science writer. Collabora con varie realtà come National Geographic Italia, OggiScienza, IN3D dove scrive soprattutto di etologia e cognizione animale e si occupa di copywriting scientifico. Nel 2016 ha vinto il Premio Giornalistico Riccardo Tomassetti - Premio Speciale in Virologia e nel 2017 il premio giornalistico "SID- Diabete Ricerca" promosso dalla Società Italiana di Diabetologia

1 Commento su Il ruolo del cervello nell’anoressia nervosa

1 Trackback / Pingback

  1. Anoressia nervosa il ruolo del cervello - chateraphy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: