I cavalli sanno leggere le emozioni umane?

I cani sì, ma a quanto pare non sono gli unici: distinguere un volto felice da uno arrabbiato è una capacità utile per tutti gli animali che vivono a stretto contatto con noi

Occhio sinistro per osservare gli stimoli negativi, occhio destro per le novità. Anche i cavalli sanno capire se siamo felici o arrabbiati

Occhio sinistro per osservare gli stimoli negativi, occhio destro per le novità. Anche i cavalli sanno capire se siamo felici o arrabbiati. Foto Pixabay

WHAAAT? Il venerdì casual della scienza- Un paio di puntate fa abbiamo visto che i cani sono in grado di riconoscere le emozioni umane in modo molto sofisticato, associando stimoli diversi come un suono e un’espressione del volto. Ma che dire delle altre specie? I cavalli, ad esempio, ne sono capaci?

Uno studio su Biology Letters lo ha appena dimostrato, concludendo che anche loro sono in grado di discriminare tra un volto felice e uno arrabbiato (e chissà, magari gli torna utile per decidere se sgroppare il proprio cavaliere/ cavallerizza o procedere pacifici nel trotto). Gli psicologi della University of Sussex hanno mostrato a 28 cavalli immagini di volti umani con espressioni positive o negative e annotato con quale occhio le guardavano. Nessuno degli animali era stato addestrato in alcun modo e anche i ricercatori vedevano le immagini per la prima volta insieme a loro, per non rischiare di influenzarli.

Si sono accorti che di fronte alle fotografie di volti alterati gli animali preferivano l’occhio sinistro, un comportamento tipico di quando il cavallo osserva uno stimolo negativo. Di fronte alle novità, che hanno un “valore emotivo” neutro, gli equini preferirebbero l’occhio destro; per quanto ne sappiamo, non ci sono invece preferenze particolari di fronte agli stimoli positivi. D’altronde saper riconoscere rapidamente una minaccia o una fonte di stress è molto più utile, o no? Anche i cani, peraltro, sono soggetti a questo “gaze bias”: grazie agli studi sulla specializzazione del cervello sappiamo che è l’emisfero destro a processare gli stimoli potenzialmente minacciosi che provengono dall’occhio sinistro.

Come spiegano gli scienziati, l’utilizzo preferenziale dell’occhio sinistro ci fa capire che i cavalli comprendono in modo funzionalmente rilevante un volto umano arrabbiato. Per di più di fronte alle fotografie negative il loro battito cardiaco diventava più veloce, accompagnandosi ai primi segni di comportamenti legati allo stress. “Sappiamo da molto tempo che i cavalli sono una specie sofisticata dal punto di vista della socialità, ma abbiamo osservato per la prima volta che sanno anche distinguere le espressioni facciali positive e negative di un’altra specie”, ovvero la nostra. Quando un cavallo entra in contatto con un essere umano, capire già dal suo volto che potrebbe portare guai gli permette di anticipare comportamenti negativi come un trattamento rude o aggressivo. Per un animale che è stato domesticato oltre 5.000 anni fa, si tratta decisamente di una capacità che può tornare utile.

Come spiega Karen McComb, co-autrice della ricerca, “ci sono varie possibili spiegazioni a questa nostra scoperta. I cavalli potrebbero aver adattato l’abilità di leggere gli indizi emotivi nei loro conspecifici, in modo da rispondere in modo appropriato alle espressioni umane. In alternativa i singoli cavalli potrebbero aver imparato a interpretarle nel corso della propria vita. L’aspetto interessante è che valutare in modo accurato un’emozione negativa è possibile persino tra specie diverse, nonostante l’enorme differenza che separa la morfologia facciale di cavalli ed esseri umani”.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: La storia siberiana dei cavalli Yakut

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Eleonora Degano (630 Articles)
Giornalista pubblicista, traduttrice, science writer. Collaboro con varie realtà tra le quali National Geographic Italia, OggiScienza, pagina99 e StartupItalia. Mi occupo principalmente di conservazione e zoologia, con un particolare interesse per etologia e cognizione animale. Su Twitter @Eleonoraseeing

6 Commenti su I cavalli sanno leggere le emozioni umane?

  1. Hanno scoperto l’acqua calda! L’unico animale incapace di distinguere le emozioni negli altri é proprio l’uomo.O almeno la maggior parte.Gli animali hanno numerosissime marce in più

    • Non è scoprire l’acqua calda, come non lo è valutare l’empatia e la mimica rapida nei cani: c’è una differenza tra avere l’impressione che un animale abbia una certa capacità e provare scientificamente che è così. L’intero ambito della psicologia comparata se ne occupa, la scienza non si basa sugli aneddoti🙂

      • Lo so bene:ho una laurea in Scienze Naturali con specializzazione in etologia,e una breve in Scienze Equine.Addestro cavalli da anni e mi occupo di animali sia domestici che selvatici. Personalmente non mi ha mai stupita l’intelligenza e l’empatia che hanno gli animali,forse perché ci vivo insieme da sempre oltre che averli studiati e osservati sia dal punto di vista fisico che psicologico. E’ giustissimo divulgare questi studi così magari le persone la piantano di considerarsi superiori agli animali e cominciano a rispettarli davvero

    • bernardodaleppo // 12 febbraio 2016 alle 17:50 // Rispondi

      Eppure spesso gli umani sono così trasparentemente sciocchi nel loro voler vederesolo quanto vogliono vedere.

  2. Avevo frainteso il “hanno scoperto l’acqua calda” allora! In realtà gli stessi divulgatori spesso snobbano questo tipo di studi (e quelli sui cani, e quelli sui gatti….)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.450 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: