Effetto Johnny Depp: un volto dai tratti femminili è più attraente?

La risposta arriva da uno studio che ha valutato le preferenze femminili, servendosi di fotografie gender blender.

Se non dobbiamo classificare un volto come maschile o femminile tendiamo a preferire quello dai tratti più femminili. Crediti immagine: Wikimedia Commons

WHAAAT? Il venerdì casual della scienza – In alcuni casi le donne trovano più attraenti gli uomini con volti dai tratti femminili, in altri no. Si tratta di gusti personali? La preferenza ha una componente biologica?

Per il momento vi diciamo che tutto questo ha un nome ed è “effetto Johnny Depp”. I ricercatori l’hanno studiato sfruttando le immagini gender blender, ovvero quelle fotografie in cui un volto maschile viene photoshoppato su uno femminile o viceversa (qui qualche esempio). Hanno scoperto che questi volti ci appaiono poco attraenti solo quando prima di valutarne la bellezza dobbiamo classificarli come un viso appartenente a una donna o a un uomo; se non siamo costrette a farlo, tendiamo a preferire quelli dai tratti più femminili. L’articolo è appena uscito su PLoS ONE.

La processing fluency, ovvero la facilità con la quale vediamo, processiamo e incaselliamo delle informazioni in una categoria, sarebbe la chiave di questa preferenza. “Fare uno sforzo mentale in questo senso può cambiare le nostre prime impressioni, persino di fronte a qualcosa di oggettivamente grazioso”, conferma in un comunicato Piotr Winkielman, co-autore dello studio. “La nostra idea era proprio stabilire se lo sforzo di attribuire un genere a un volto ambiguo avesse un effetto a cascata sulla percezione negativa di quel volto”, continua il collega Jamin Halberstadt.

Nella seconda parte dell’esperimento, alcuni dei partecipanti dovevano prima di tutto categorizzare i volti (sempre gender blender) in base all’etnia, ma la scelta non ha poi influito su quanto li trovassero o meno attraenti. Non si tratta perciò di un’avversione legata all’ambiguità, dice Halberstadt.

“Siamo già a conoscenza del fatto che le preferenze femminili in fatto di volti maschili cambiano per l’influenza degli ormoni” e, biologicamente parlando, si può andare alla ricerca di tratti che indichino il partner come un fornitore di buoni geni, un compagno valido per farsi proteggere o come un padre presente -il che non vale solo per la nostra specie-. Un esempio noto è la barba: in media le donne considerano gli uomini dotati di barba più sicuri di sè, saggi e anziani, ma non più attraenti (ci sono vari studi al riguardo, tipo questo e questo). Eppure queste modifiche possono essere spiegate anche attraverso un processo cognitivo: se non dobbiamo incasellare il volto come appartenente a uomo o donna, tendiamo a preferirne uno dalle caratteristiche più femminili.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Il verdetto della scienza. La barba passerà di moda

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Eleonora Degano (623 Articles)
Giornalista pubblicista, traduttrice, science writer. Collaboro con varie realtà tra le quali National Geographic Italia, OggiScienza, pagina99 e StartupItalia. Mi occupo principalmente di conservazione e zoologia, con un particolare interesse per etologia e cognizione animale. Su Twitter @Eleonoraseeing

1 Commento su Effetto Johnny Depp: un volto dai tratti femminili è più attraente?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.434 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: