Siamo nati “prematuri”: la vita sulla Terra prima del baby boom cosmico

La nascita della vita sulla Terra è “prematura” e avrebbe anticipato il baby boom cosmico, che secondo gli esperti del Centro Smithsonian per l'astrofisica dell'università di Harvard arriverà tra moltissimi anni

base

La nascita della vita sulla Terra è “prematura” e avrebbe anticipato il baby boom cosmico Crediti immagine: Christine Pulliam (CfA)

SCOPERTE – L’universo nasceva 13,8 miliardi di anni fa dal Big Bang e 4,5 miliardi di anni fa nasceva il pianeta Terra. La vita così come la conosciamo è diventata possibile circa 30 milioni di anni dopo il Big Bang*, ma secondo uno studio coordinato da Avi Loeb del Centro Smithsonian per l’astrofisica dell’università di Harvard sarebbe decisamente in anticipo. Una vita “prematura” dunque rispetto all’atteso baby boom cosmico, periodo ottimale per la nascita della vita anche sugli altri pianeti e nell’universo.

Dal Big Bang in poi, spiegano i ricercatori, è stato innescato un processo per cui le prime stelle nel cosmo hanno iniziato a “nutrire” l’universo con elementi come il carbonio e l’ossigeno, necessari alla nascita della vita come la conosciamo. Il processo durerà ancora 10 000 miliardi, o 10 triliardi, di anni, cioè fino a quando non moriranno le ultime stelle, esaurendo così la loro capacità di generare i mattoni all’origine delle forme di vita nel cosmo. Un tempo decisamente lungo che fa pensare ai ricercatori che il “baby boom cosmico”, cioè la nascita e lo sviluppo della vita, fosse destinato a iniziare ben più tardi di quanto accaduto sul nostro pianeta.

Loeb, che ha pubblicato i risultati dello studio sulla rivista scientifica Journal of Cosmology and Astroparticle Physics, ha spiegato in un comunicato: “Se chiedete, ‘quando è più probabile che le prime forme di vita emergano?’, la risposta potrebbe essere ‘ora’. Ma abbiamo scoperto che le probabilità di svilupparsi della vita crescono decisamente in un futuro ancora lontano”.

Il fattore dominante per lo sviluppo della vita d’altronde è il ciclo vitale delle stelle. Più grande è la massa di una stella, più corta è la sua vita. Per esempio stelle che sono grandi 3 volte il Sole moriranno prima che la vita abbia il tempo di evolvere sui pianeti che orbitano intorno a loro.

Al contrario invece, le stelle più piccole con una massa inferiore del 10 percento a quella del Sole sono in grado di vivere fino a 10 triliardi di anni, dando così la possibilità alla vita di formarsi sui pianeti che si trovano nel rispettivo sistema stellare. Il risultato è che la probabilità che la vita nasca su tali pianeti è ben 1000 volte più alta in un futuro lontano, piuttosto che 30 milioni di anni dopo il Big Bang* come sulla Terra, spiega Loeb: “Quindi voi potreste chiedervi perché non siamo nati nel futuro e vicino ad una stella di piccola massa. Le possibilità sono due: la prima è che siamo ‘prematuri’, la seconda è che intorno a tali stelle le condizioni dell’ambiente non sono ideali per la vita”.

Anche se le stelle nane rosse hanno un ciclo vitale molto lungo, nella loro giovinezza emettono radiazioni ultraviolette e violenti bagliori in grado di deprivare i pianeti rocciosi della loro atmosfera, una condizione che rende di fatto il pianeta non ospitale per la vita.

Per capire dunque se la nostra comparsa sulla Terra e nell’universo è prematura o se i sistemi planetari di stelle con masse inferiori a quelle del sole sono inospitali per la vita l’obiettivo di Loeb e colleghi ora è quello di studiare i pianeti che orbitano intorno alle nane rosse. Un nuovo obiettivo a cui si dedica il satellite Transiting Exoplanet Survey e che rappresenterà uno dei possibili misteri a cui potrà rispondere il telescopio spaziale James Webb della NASA, il cui lancio nello spazio è previsto per il 2018.

@oscillazioni

Leggi anche: I due mondi rocciosi “cugini” della Terra

*Correzione: la data dell’origine della vita sulla Terra è stata corretta, inizialmente l’articolo riportava “a partire da 30 milioni di anni fa”.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.

Informazioni su Veronica Nicosia ()
Aspirante astronauta, astrofisica per vocazione, giornalista di professione. Laureata in Fisica e Astrofisica all'Università La Sapienza, vincitrice del Premio giornalistico Riccardo Tomassetti nel 2012 con una inchiesta sull'Hiv. Lavoro come giornalista per Blitzquotidiano e collaboro con Oggiscienza. Mi occupo di scienza, salute, tecnologia e ambiente.

5 Commenti su Siamo nati “prematuri”: la vita sulla Terra prima del baby boom cosmico

  1. C’è qualcosa che non mi torna: “La vita così come la conosciamo è diventata possibile a partire da 30 milioni di anni fa” ma 30 milioni di anni fa eravamo nell’Eocene e le condizioni ambientali della Terra non erano tanto diverse da quelle attuali. Per esempio in quel periodo è iniziata l’evoluzione dei cavalli verso le forme attuali.

  2. “Il risultato è che la probabilità che la vita nasca su tali pianeti è ben 1000 volte più alta in un futuro lontano, piuttosto che 30 milioni di anni fa come sulla Terra”

    Sì, comparve sulla Terra nel cenozoico, dopo la scomparsa dei dinosauri (non aviani).
    Correggete, per carità.

  3. La vita sulla Terra è comparsa in un lasso di tempo che va da 4,4 a 2,7 miliardi di anni fa, non 30 milioni di anni fa.

  4. “Il risultato è che la probabilità che la vita nasca su tali pianeti è ben 1000 volte più alta in un futuro lontano, piuttosto che 30 milioni di anni dopo il Big Bang* come sulla Terra”

    “Come sulla Terra” mi pare errato, dato che sulla Terra la vita sarebbe apparsa circa 10 miliardi di anni dopo il Big Bang, e non 30 milioni, che secondo l’articolo sono il tempo necessario per rendere la vita possibile, a partire dal Big Bang.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: