Giove come non lo avete mai visto: Juno svela tempeste e aurore

La sonda della NASA Juno è arrivata su Giove e il 27 agosto ha scattato le prime immagini ravvicinate del fenomeno delle aurore che si formano nel polo nord del pianeta gigante gassoso

pia21034_hires

Le immagini di JunoCam scattate dalla sonda Juno forniscono nuove informazioni sul pianeta Giove. Crediti immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS

SCOPERTE – Un Giove come non lo avevamo mai visto. A svelare i complessi sistemi di tempeste che interessano il pianeta gigante gassoso che si trova nel nostro sistema solare è Juno, la sonda della NASA, arrivata lo scorso 4 luglio a destinazione. La sonda ha compiuto il 27 agosto la prima delle 36 orbite che le permetteranno di raccogliere dati su Giove e ha già sorpreso gli scienziati con le prime immagini ravvicinate del polo nord e sud del pianeta.

Nessuna sonda era mai arrivata ad una distanza tanto ravvicinata. In appena un giorno e mezzo la sonda della NASA percorre il pianeta dal polo nord al polo sud passando a 4200 chilometri da Giove e quanto scoperto finora ha riscritto l’idea che gli scienziati si erano fatti del gigante del sistema solare, come spiega in un comunicato Scott Bolton del Southwest Research Institute di San Antonio: “Basta un primo sguardo al polo nord di Giove per rendersi conto che non somiglia a nulla di quello che abbiamo mai visto o immaginato. C’è una zona di colore più blu al polo del pianeta e ci sono molte tempeste. Non c’è segno di bande di latitudine o zone come pensavamo. Da questa immagine è davvero difficile riconoscere Giove. Abbiamo visto segni che le nubi lasciano ombre, che potrebbe indicare che si trovano a quote maggiori delle altre”.

Tra le sorprese che Juno ha riservato ai ricercatori ci sono le immagini del polo sud e nord di Giove, spiega Bolton, scattate dalla JunoCam e che evidenziano come molto del pianeta sia ancora da scoprire: “Saturno ha un esagono al polo nord. Non c’è nulla di simile su Giove che in qualsiasi modo possa ricordarlo. Il pianeta più grande del nostro sistema solare è autenticamente unico. Abbiamo altre 36 orbite per studiare quanto unico sia davvero”.

Tutti gli strumenti della sonda Juno hanno lavorato a pieno regime per raccogliere dati e tra questi c’è anche JIRAM, Jovian Infrared Auroral Mapper, realizzato dall’Agenzia Spaziale Italiana, ASI, e che ha scattato foto del pianeta nella lunghezza d’onda dell’infrarosso.

“JIRAM sta entrando al di sotto della pelle di Giove, dandoci la nostra prima  vista a infrarossi ravvicinata del pianeta del polo sud e polo nord”, ha spiegato Alberto Adriani, ricercatore dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma. “Ci ha rivelato zone calde e fredde del pianeta che non avevamo mai osservato prima. E anche se ci aspettavamo di osservare l’aurora nel polo sud del pianeta, siamo rimasti sorpresi nel vederle per la prima volta. Nessun altro strumento, sia dalla Terra che dallo spazio, era stato in grado di osservarle. Ora, con JIRAM, abbiamo visto per la prim volta questo brillante e ben strutturato fenomeno. L’alto livello dei dettagli delle immagini ci dice molto sulla morfologia e sulle dinamiche delle aurore”.

Tra i dati più impressionanti raccolti da Juno ci sono quelli dello strumento Waves, Radio/Plasma Wave Experiment, che ha registrato le trasmissioni sonore “fantasma” provenienti dal pianeta. Queste emissioni radio da Giove sono note fin dagli anni Cinquanta, ma non erano mai state analizzate da un punto di vista così vicino.

Bill Kurt, responsabile di Waves e ricercatore della University of Iowa ha spiegato: “Giove ci sta parlando in un modo che solo un mondo gigante gassoso può fare. Waves ha rivelato il segnale di emissioni delle particelle energetiche generate dalle massive aurore che circondando il polo nord del pianeta. Queste emissioni sono le più potenti del sistema solare e ora stiamo cercando di capire da dove provengono gli elettroni che le generano”.

Il viaggio della sonda Juno è iniziato il 5 agosto 2011 dal lancio a Cape Canaveral, in Florida, e ha raggiunto il pianeta il 4 luglio 2016. Dopo 5 anni di viaggio la sonda ci ha portati sul pianeta più grande del Sistema Solare e in una sola orbita delle 36 che compierà per svolgere la sua missione e ha già fornito dati unici e preziosi nella conoscenza di questo gigante gassoso, solo un “antipasto” di questo pianeta, che potrebbe nascondere sorprese ben più gustose per gli scienziati.

@oscillazioni

Leggi anche: La sonda Juno e nell’orbita di Giove. E ora?

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Veronica Nicosia (75 Articles)
Aspirante astronauta, astrofisica per vocazione, giornalista di professione. Laureata in Fisica e Astrofisica all'Università La Sapienza, vincitrice del Premio giornalistico Riccardo Tomassetti nel 2012 con una inchiesta sull'Hiv. Lavoro come giornalista per Blitzquotidiano e collaboro con Oggiscienza. Mi occupo di scienza, salute, tecnologia e ambiente.

2 Commenti su Giove come non lo avete mai visto: Juno svela tempeste e aurore

  1. Domanda: anche su giornali autorevoli, girano delle foto di Giove, presumibilmente scattate da Juno, dicono da un’altezza di soli 4000 Km. A mio parere, essendo Giove enorme rispetto alla Terra, da questa altezza del gigante gassoso si dovrebbe vedere solo una piccola parte e non praticamente tutto. Mi sbaglio io, oppure molti giornalisti sono troppo approssimativi?

1 Trackback / Pingback

  1. Un bidone dei rifiuti per risolvere il mistero dei venti di Giove – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: