CRONACA

Le idee non sono infiammabili: Corporea la nuova esposizione di Città della Scienza

Apre a Napoli il primo museo interattivo in Europa dedicato al corpo umano

CRONACA – Sabato 4 marzo a Napoli, a quattro anni esatti dall’incendio doloso che ha distrutto il science centre, Città della Scienza ha inaugurato Corporea, l’esposizione permante interattiva e multimediale sul corpo umano. Durante la cerimonia con presenze politiche importanti (sindaco di Napoli De Magistris, presidente della Regione Campania De Luca, ministro De Vincenti, ministra Fedeli) è stato anche presentato il futuro science centre che – questa è la promessa – sarà inaugurato il 4 marzo 2020. Insieme alla Cité des Sciences et de l’Industrie di Parigi, uno dei maggior science centre del mondo, Città della Scienza ha anche cominciato la progettazione di una nuova mostra sul fuoco.
Qui una galleria fotografica della serata inaugurale affollatissima di persone venute da tutta Italia e dall’Europa nonché tantissime cittadine e cittadini napoletani.

 

Leggi anche: I segreti del DNA in mostra a Roma

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

5 Commenti

  1. Non dimenticherò mai quell’articolo che affermava, molto tristemente, che avrebbero dovuto incendiarla prima la Città della Scienza. Mi aspettavo una reazione indignata ad un articolo vergognoso, e invece nulla. Da una certa prospettiva, meglio cosi: a certa gente è meglio non dare nessun tipo di visibilità mediatica. Ne trarrebbero vantaggio. Però rabbrividisco quando ci penso, ancora oggi.

      1. Eh, certe cose purtroppo forse è meglio perdersele. Succede che le leggi e ti rovinano la giornata. Ho visto che hai anche commentato l’articolo su Il Foglio, ma tanto servirà, al massimo, a scatenare una polemica inutile. L’autore non è mai stato a Città della Scienza, non ne comprende il valore (d’altronde come può capire il valore della divulgazione se non ha mai studiato?), per lui l’importante è scrivere un articolo infarcito di citazionismo fine a se stesso, che non da spunti di riflessione e che non aggiunge elementi. E’ pagato per vomitare inchiostro e vomita bene, eccome se vomita bene.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: