Cacao sempre più meravigliao

Con meccanismi tuttora da stabilire, i flavonoidi eliminati dal processo di produzione del cioccolato migliorano le facoltà mentali dei giovani in buona salute.

Ganaché de chocolate, foto di Luisa Contreras, Creative Commons 2.0

IL PARCO DELLE BUFALE – Ogni anno escono rassegne che scovano nuovi effetti terapeutici o profilattici del cioccolato, assunto in quantità moderata altrimenti si rischia l’assuefazione da teobromina, un alcaloide detto “molecola dell’amore” per il fremito che provocherebbe nei ventricoli cardiaci in particolare il giorno della San Valentino.

Il frutto del cacao è ricco di flavonoli e flavonoidi antiossidanti, dicono giustamente i cacaologi, quindi esso previene innumerevoli patologie e migliora le prestazioni degli organi, in particolare del cervello.

La custode del Parco intende dimostrare che la lettura di queste ricerche procura stessi benefici: l’umore si tinge di rosa e innalza la valutazione delle facoltà mentali. Le è appena successo con la “mini rassegna” di Valentina Socci, Daniela Tempesta, Giovambattista Desideri e Michele Ferrara dell’Università dell’Aquila e Luigi De Gennaro della Sapienza, su Frontiers in Nutrition 

Incrementare la cognizione umana con i flavonoidi del cacao

Studi epidemiologici suggeriscono che un’assunzione regolare di flavonoidi potrebbe essere associata a una miglior funzione cognitiva, a un minor rischio di demenza e di prevalenza del declino cognitivo…

Dall’esame di una ventina di studi, gli autori concludono con un appello a finanziamenti:

Nell’insieme, la ricerca sugli effetti del cacao e del cioccolato sulla cognizione umana, sebbene allo stadio preliminare, converge nell’indicare nel cacao un nuovo e interessante strumento nutraceutico per proteggere la cognizione umana e contrastare diversi tipi di declino cognitivo, quindi incoraggiando ulteriori indagini.

Incoraggiata, la custode ha compiuto un’indagine nella bibliografia. Su 26 pubblicazioni riguardanti i flavonoidi del cacao e la cognizione, otto sono di Desideri et al. Nella tabella 2 cinque studi, ma uno solo con placebo, mostrano un’associazione a miglioramenti cognitivi.

Purtroppo non sono comparabili perché i marcatori e le rispettive scale di misura sono diverse, e sono mischiati bevande e barrette di composizione variabile. Per fortuna sono finanziati dai produttori – come quelli di Desideri et al., uno dei quali comprato dall’editore truffaldino Bentham – e sono bastati i nomi delle multinazionali a far ritrovare alla custode una memoria a lungo termine che temeva persa per sempre:

Accid… le si sono prosciugati i neurotrasmettitori?

No, non ancora. Della meta-analisi degli esperimenti clinici con cioccolato e cacao fatta dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ricorda una frase che le sembra tuttora valida:

Sulla base dei dati presentati, la Commissione conclude che un rapporto di causa ed effetto non sia stato stabilito.

Da commissaria unica, la custode ritiene però di aver stabilito che una simile rassegna giovi ai neuroni e invita i lettori a provarla: è gratuita e per ora priva di effetti collaterali.

Leggi anche: Bacche di acai, il parere dell’esperta sul “superfood”

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

6 Commenti su Cacao sempre più meravigliao

  1. … forse il cioccolato migliora la memoria dell’acqua?

  2. Oggiscienze è interessante quando presenta informazione scientifica qualificata, ma questo “parco delle bufale” quotidiano comincia a stufare…

  3. Capisco diciamo “raffazzonare” articoli e ricerche per promuovere l’olio di fegato di merluzzo, la quinoa o il cavolfiore crudo, ma che il cioccolato abbia bisogno di cercare di sembrare salutare appare una evidente mancanza di autostima. Mi sembra che i dirigenti delle aziende cioccolatiere, ricorrendo a tali mezzucci per aumentare a breve le vendite, corrano il rischio di far perdere al cioccolato la sua aura di dolce perdizione che fa parte indissolubile della sua attuale attrazione, con il rischio di far declinare le vendite a medio e lungo termine, sul fronte dei cibi “salutari” infatti la concorrenza è molto maggiore che non tra i cibi erotico-suadenti, a lunga conservazione, di pronto consumo e facile trasportabilità.
    Salviamo il cioccolato dal diventare una medicina.

  4. Angelo,

    se ci dice chi la costringe a leggere questa rubrica contro la sua volontà, lo denunciamo per maltrattamento, abuso, circonvenzione e altri reati.

    Gerardo,

    sottoscrivo!

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Meglio bugiardi che ipocriti? - Ocasapiens - Blog - Repubblica.it
  2. Nel caso di incauto acquisto al calciomercato – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: