SCOPERTE

I venti insoliti del misterioso Giove caldo

Il vento sui pianeti gioviani caldi, chiamati così perché simili al nostro Giove ma decisamente più bollenti, spirano verso est. Su CoRoT-2b invece il vento spira verso ovest. Una scoperta per tante nuove domande su questa classe di esopianeti

Crediti immagine: NASA/JPL-Caltech/T. Pyle (IPAC)

SCOPERTE – Esistono nell’universo pianeti gassosi simili per dimensioni e caratteristiche al nostro Giove, ma le cui temperature sono decisamente superiori. Il motivo è semplice: si trovano ad orbitare molto vicino alla loro stella madre. Orbite così strette da essere completate in poco più di tre giorni e con l’esopianeta che offre sempre lo stesso lato alla sua stella, tanto da avere temperature differenti tra il lato “diurno” e quello “notturno”, che rimane sempre nell’ombra. Fino ad oggi gli astronomi, osservando questa classe di pianeti definiti gioviani caldi, hanno individuato il loro punto più caldo spostato verso est rispetto al centro della superficie esposta, ma una scoperta sfida la comprensione di questi corpi celesti. Su CoRoT-2b infatti il punto più caldo si trova spostato verso ovest.

La scoperta si deve ai ricercatori della McGill University e dell’Institute for research on exoplanets (iRex) guidati da Lis Dang e Nicolas Cowan e pone nuovi interrogativi sulla fisica atmosferica di questi pianeti giganti, che sono stati pubblicati sulla rivista Nature Astronomy. Lo studio si è concentrato sullo studio del lato “diurno” di questi gioviani caldi, che essendo quello più esposto alla luce stellare presenta anche un punto più caldo, detto “hot spot“. Gli scienziati hanno ipotizzato e osservato che questa tipologia di pianeti è caratterizzata da forti venti che soffiano verso est, soprattutto in prossimità dell’equatore. Può dunque accadere che il punto più caldo sia effettivamente spostato verso est.

Questo non è il caso di CoRoT-2b, un esopianeta osservato circa 10 anni fa da una missione spaziale francese e che si trova a 930 anni luce dalla Terra. Analizzando i dati raccolti dal telescopio spaziale Spitzer della NASA i ricercatori hanno scoperto che il punto più caldo del pianeta si trova nella direzione opposta,  spostato verso ovest rispetto al centro del pianeta, come ha spiegato il co-autore dello studio Cowan:

“Abbiamo studiato in precedenza altri 9 gioviani caldi, pianeti giganti che orbitano molto vicino alla loro stella. In ogni caso, sono soggetti a venti che soffiano verso est, come previsto dalla nostra teoria. Ma ora la natura ci ha giocato una palla curva. Su questo pianeta, i venti soffiano nel verso sbagliato. Se di solito è l’eccezione che conferma la regola, speriamo che studiare questo pianeta ci aiuterà a capire cosa rende i giovani caldi interessanti”.

A differenza degli altri gioviani caldi scoperti in tempi più recenti, questo pianeta continua a rappresentare un mistero per gli astronomi principalmente per due fattori: la sua dimensione rigonfia e l’insolito spettro di emissione di luce dalla sua superficie. Fattori che, come sottolinea l’autrice dell’articolo Dang, indicano che qualcosa di davvero inusuale sta accadendo nella sua atmosfera.

Lo strumento Infrared Array Camera del telescopio Spitzer ha osservato il pianeta mentre percorreva un’orbita completa intorno alla sua stella madre e questo ha permesso ai ricercatori di ottenere una mappa della luminosità della sua superficie per la prima volta completa, rivelando così lo spostamento ad ovest del suo hot spot. La scoperta del tutto inaspettata ha sollevato nuovi interrogativi e le ipotesi avanzate dagli scienziati sono tre, ognuna delle quali porta con sé nuove domande.

La prima è che il pianeta stia ruotando così lentamente che la sua rotazione richieda più tempo rispetto alla rivoluzione intorno alla stella, inducendo dei venti che soffiano verso ovest, piuttosto che verso est. Se questa teoria fosse verificata, però, sarebbe necessario rivedere le teorie esistenti sulle interazioni gravitazionali tra stella e pianeta per questo tipo di orbite molto strette.

La seconda possibilità è che a generare questo spostamento sia l’interazione tra l’atmosfera del pianeta e il suo campo magnetico. Se così fosse, ci troveremmo davanti a una rarissima opportunità che permetterà di studiare i campi magnetici degli esopianeti.

L’ultima, ma non per questo la meno plausibile, è la teoria secondo cui una coltre estesa di nubi sovrasti il lato più ad est del pianeta, mostrandolo dunque più scuro, e più freddo, di quanto non sia in realtà. In questo caso, sarebbe necessario rivedere tutti i modelli di circolazione atmosferica ipotizzati fino ad oggi per i gioviani caldi. La Dang ha commentato:

“Per rispondere alle domande che la nostra scoperta pone abbiamo bisogno di più dati e di qualità superiore. Fortunatamente il lancio del James Webb Space Telescope, programmato per il prossimo anno, potrebbe fornirci i dati di cui abbiamo bisogno, grazie al suo specchio che ha 100 volte il potere collettivo di Spitzer, e che sarebbero eccellenti come mai prima d’ora”.

@oscillazioni

Leggi anche: Una spessa atmosfera per l’esopianeta bifronte 55 Cancri e

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Veronica Nicosia
Aspirante astronauta, astrofisica per vocazione, giornalista di professione. Laureata in Fisica e Astrofisica all'Università La Sapienza, vincitrice del Premio giornalistico Riccardo Tomassetti nel 2012 con una inchiesta sull'Hiv. Lavoro come giornalista per Blitzquotidiano e collaboro con Oggiscienza. Mi occupo di scienza, salute, tecnologia e ambiente.

3 Commenti

  1. La mia ignoranza mi impone di chiedere in base a cosa si definiscono i punti cardinali di pianeti di cui non si conosce il campo magnetico, quindi quale sia il Nord magnetico, neppure se la stella sorga e tramonti mai sull’orizzonte, quindi dove siano il Levante e il Ponente in riferimento al giorno solare, si prende come riferimento l’asse di rotazione del pianeta? (Come mai Urano risulta avere una inclinazione di 97°? superati i 90° non si dovrebbe prendere per Nord l’altro polo?) Ma se non si conosce la velocità di rotazione (tanto da non sapere se il giorno solare sia o = all’anno solare) si conosce invece codesto asse? Esiste una convenzione per definire i punti cardinali degli esopianeti? Riconosco essere queste domande al medesimo tempo elementari e le risposte complesse, mi contenterei di qualche link meglio in italiano, ma anche in francese, spagnolo o inglese.
    Grazie

  2. Nel mio precedente commento una frase risulta oscura in quanto i simboli maggiore e minore sono scomparsi la frase tra parentesi corretta è “(tanto da non sapere se il giorno solare sia maggiore, minore o uguale all’anno solare)”.
    Grazie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: