SALUTE

Il rischio di cancro è associato tanto alle malattie croniche, quanto allo stile di vita

La cronicità contribuisce a oltre un quinto dei tumori e a più di un terzo delle morti per cancro, percentuali analoghe al contributo combinato dei cinque cattivi stili di vita. E l'attività fisica è cruciale. I risultati su BMJ

SALUTE – Già altri studi avevano messo in luce che alcune malattie croniche come il diabete o le patologie renali possono predisporre allo sviluppo del cancro, generalmente valutando la singola cronicità. Non ci sono però molti dati finora su come la combinazione di malattie croniche e di stili di vita non sani possa portare o meno allo sviluppo di tumori o  aumentare la mortalità nei pazienti.
Un nuovo studio, pubblicato su BMJ e condotto da un nutrito gruppo di ricercatori americani e taiwanesi ha evidenziato che le malattie croniche contribuiscono a oltre un quinto dei tumori e a più di un terzo delle morti per cancro, percentuali analoghe al contributo combinato dei cinque noti fattori di rischio nello stile di vita (fumo, consumo di alcol, scarsa attività fisica, obesità e basso consumo di frutta e verdura nella dieta).
Si tratta di uno studio osservazionale che ha coinvolto 405.878 partecipanti, per i quali sono stati misurati per un periodo di circa otto anni otto marcatori: pressione arteriosa, colesterolo totale e frequenza cardiaca, diabete, marcatori della malattia renale cronica (proteinuria e velocità di filtrazione glomerulare), malattia polmonare e marcatore dell’artrite gottosa (acido urico).

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva.

Cruciale è anche quello che lo studio ci racconta sull’importanza dell’attività fisica. È oramai ben noto in letteratura che l’attività fisica gioca un ruolo importante nel ridurre la mortalità fra la popolazione che soffre di una qualche malattia cronica, ma in questo studio risulta avere un ruolo ancora più centrale. I ricercatori hanno valutato se fare attività fisica potesse contribuire a ridurre il rischio di cancro o la mortalità per cancro associata ai marcatori delle malattie croniche e i dati parlano chiaro: le associazioni positive sono risultate più deboli tra coloro che erano fisicamente attivi rispetto a quelli che non lo erano. Il grafico sottostante lo mostra chiaramente: per tutti all’aumentare della gravità delle malattie croniche aumenta anche il rischio di cancro, ma le cose vanno peggio a sedentari.

Lo studio ha considerato questi otto marcatori delle malattie croniche attribuendo loro dei punteggi di rischio per il cancro (da 0 a 8): per ogni marcatore, le persone con un punteggio di rischio più elevato erano sostanzialmente a rischio aumentato di ricevere una diagnosi di cancro e di morire per tumore. Ogni incremento di cinque punti nel rischio di malattia cronica è stato associato a un aumento del 35% del rischio complessivo di cancro e a un aumento del 50% del rischio di morte. Come si vede chiaramente nella tabella, fra questi otto marcatori, il livello di colesterolo totale e la proteinuria hanno riportato il maggior peso all’interno del calcolo dei punteggi complessivi di rischio di malattia cronica, suggerendo che questi due marcatori sono i più forti predittori del rischio di cancro rispetto alle altre malattie.

È bene precisare che i rapporti di rischio sono stati aggiustati per età, sesso, livello di istruzione, tipo di occupazione, e a seconda degli indicatori sugli stili di vita: se fumatori o forti consumatori di alcol, indice di massa corporea, presenza di attività fisica frequente e quantità di frutta e verdura consumata abitualmente.

Anche i dati sull’aspettativa di vita ci mostrano che la gravità delle malattie croniche impatta proporzionalmente sul rischio tumorale. I valori più elevati sono associati a 13,3 anni di vita persi per il cancro per gli uomini e a 16 anni per le donne. Il diabete è associato a una perdita di 5,5 anni di vita, l’ipertensione a 4 anni di vita in meno, e passando agli stili di vita, il fumo alla perdita di 5 anni, l’inattività a 3 e l’obesità a 2 anni.

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva.

Questi risultati – spiegano gli autori – hanno importanti implicazioni nell’ambito della prevenzione dei tumori. Le attuali strategie globali si concentrano solitamente sulla modifica dei fattori di rischio dello stile di vita. Qui si evidenzia tuttavia che più di un quinto dei tumori incidenti e più di un terzo dei decessi per cancro sono attribuibili alle otto malattie croniche o ai marcatori, assumendo che le associazioni osservate fossero causali, e questo era uguale al contributo combinato dei cinque fattori di rischio dello stile di vita. Le future strategie di prevenzione – si legge – dovranno considerare maggiormente le malattie croniche non tumorali.

“La malattia cronica è un fattore di rischio ancora troppo trascurato in oncologia, ma in realtà è importante quanto i cinque principali fattori dello stile di vita messi insieme.”

Segui Cristina Da Rold su Twitter

Leggi anche: Rischio cardiovascolare: quanto pesa davvero avere il colesterolo alto

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il mio blog: www.cristinadarold.com Twitter: @CristinaDaRold

3 Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: