domenica, Settembre 19, 2021

archiveONU

CRONACASPECIALI

L’Iran e il nucleare: a che punto siamo?

La foto della stretta di mano tra il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif e il segretario di Stato Usa John Kerry difficilmente entrerà nella storia accanto a quella di Rabin e Arafat in posa davanti a un raggiante Clinton nel settembre 1993. Lo scorso 24 novembre, a Ginevra, per sancire la raggiunta intesa sul nucleare iraniano, Kerry e Zarif si sono salutati velocemente, senza troppe cerimonie, parzialmente coperti dagli altri delegati.
ricerca

La francesina

Cervello in fuga da Parigi al Massachusetts Institute of Technology, minuta, determinata, accento da ispettore Clouseau, Esther Duflo è una grande economista le cui ricerche servono a lottare con mezzi "evidence-based" contro la povertà, per i diritti umani e il buon governo.

11 miliardi di persone

Quanti saremo nel 2100? Quasi 11 miliardi di persone, secondo le ultime stime dell’Onu sulla crescita della popolazione mondiale. Dagli attuali 7,2 miliardi passeremo a 8,1 nel 2025, 9,6 nel 2050 e infine 10,9 nel 2100. Previsioni riviste al rialzo, rispetto a quelle del 2011, che si fermavano a 10,1 miliardi di persone.

Il Ministero degli Affari Alieni

NOTIZIE - La preoccupazione è quantomeno prematura. Tanto che viene da chiedersi se si tratti di uno scherzo. La notizia è stata inizialmente diffusa dal sito australiano www.news.com.au, e ora sta rimbalzando in rete, anche se sul sito dell’ONU ancora non se ne trova traccia. In Italia i primi a segnalarla sono quelli del Post. Mi sembra francamente incredibile, ma pare che non si tratti di uno scherzo: l’ONU avrebbe incaricato Mazla Othman, Astrofisica malese (al momento a capo dell’ufficio delle Nazioni unite che va sotto la sigla di UNOOSA – UN Office for Outer Space Affairs) di occuparsi di un possibile futuro contatto fra umani e alieni.

Contro la pesca illegale

Contro lo sfruttamento incondizionato delle risorse del mare, 91 stati hanno trovato un accordo a Roma, martedì 1 settembre, per rendere più difficile la pesca illegale e il commercio del pesce pescato illegalmente.