Microbi antimine

Sono ancora più di 70 i paesi con terreni contaminati da mine. A ripulirli ci pensano oggi corpi specializzati di intervento, ma grazie ai progressi della biologia sintetica domani potremmo arruolare allo scopo anche i batteri

CRONACA – Niente più personale specializzato con metal detector e cani addestrati: in futuro, a scovare le mine potrebbero pensarci i batteri, previa opportuna “rielaborazione” genetica. Al Centro di ingegneria biomedica dell’Università di Edinburgo, il team del bioingegnere Alistair Elfick sta mettendo a punto un microrganismo – il “solito” Escherichia coli, il batterio più amato dai ricercatori di tutto il mondo – perché sia in grado di illuminarsi quando una proteina presente nella sua membrana viene in contatto con TNT, il tritolo, sostanza chimica spesso utilizzata negli esplosivi .

“Batteri così modificati potrebbero essere dispersi su aree potenzialmente contaminate da mine e in poche ore si saprebbe se gli esplosivi ci sono davvero oppure no”, ha dichiarato Elfick in una recente intervista rilasciata a SciDev.Net, che si è occupato della questione in occasione della pubblicazione del Landmine Monitor Report 2009.

Secondo l’annuale rapporto dell’International Campaign to Ban Landmines, negli ultimi 10 anni la situazione è migliorata, ma non è ancora il momento di cantare vittoria. Il numero di governi che fanno uso di mine antiuomo è notevolmente diminuito (da 15 a 2: Myanmar e Russia) e così pure quello di gruppi armati non governativi e di produttori. Molti territori sono stati completamente ripuliti da mine e residui bellici e anche il numero di morti o infortuni dovuti a questi esplosivi sembra in diminuzione.

Tuttavia, negli ultimi 10 anni Landmine Monitor ha registrato oltre 73 000 incidenti causati da mine o residui bellici e ad agosto 2009 più di 70 stati risultavano ancora contaminati. Ed è a questo proposito che potrebbero tornare utili i microbi fluorescenti di Elfick. Prima di passare a prove sul campo, tuttavia, ci vorrà ancora del tempo, anche per questioni regolatorie, visto che si tratterebbe di liberare all’aperto organismi geneticamente modificati.

Quello che è certo è che c’è grande fermento nel nuovo settore della biologia sintetica, per cercare di trasformare i microrganismi in piccoli tuttofare al nostro servizio, capaci di mangiarsi sostanze inquinanti o di produrre biocarburanti. Due pionieri come Craig Venter e George Church hanno già fondato compagnie biotecnologiche ad hoc.

Valentina Murelli
Giornalista scientifica, science writer, editor freelance

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: