ricerca

Il nuovo gufetto indonesiano

357px-Otus_scops_ab_croppedRICERCA – L’avifauna dell’Indonesia, già nota per essere tra le più diversificate del mondo, si arricchisce di una nuova specie: si tratta di un piccolo strigiforme, un rapace notturno del genere Otus (quello che identifica gli assioli), endemico dell’isola di Lombok, la ‘gemella’ della famosa Bali.

La nuova specie è in realtà nota da tempo, solo che per oltre un secolo è stata considerata una popolazione insulare di assiolo delle Molucche (Otus magicus), un piccolo rapace notturno diffuso nella maggior parte delle isole indonesiane tra la Nuova Guinea e Sulawesi (qui una mappa). La nuova specie, denominata Otus jolandae, è di piccole dimensioni, con apertura alare che raggiunge al massimo i 15 cm, e abita le foreste sulle pendici del vulcano Rinjani, all’interno dell’omonimo parco nazionale (qui l’areale di distribuzione), ad altitudini comprese tra 25 e 1.350 m sul livello del mare.

Sebbene dal punto di vista morfologico Otus jolandae abbia solo lievi differenze rispetto a Otus magicus che a Otus manadensis (qui le specie a confronto), tipica di Sulawesi, invece si distigue dalle altre per le vocalizzazioni che emette (audio). In particolare, dallo studio pubblicato su PLoS One in cui viene descritta la specie emerge come il canto territoriale, quello specifico pattern di suoni con cui i maschi difendono un territorio a scopo riproduttivo, sia  estremamente differente tra le diverse specie (qui sonogrammi delle diverse specie). Per una specie notturna, che basa il ricoscimento reciproco su indizi vocali piuttosto che visivi, le vocalizzazioni rappresentano un importante meccanismo di isolamento riproduttivo tale da limitare fortemente l’ibridazione. È per questo motivo che l’assiolo di Lombok è oggi considerato una specie a sé stante, l’unica specie di uccello endemica dell’isola.

Per l’ennesima volta viene messo in luce come la nostra conoscenza della biodiversità, compresa quella delle specie di grosse dimensioni e quindi facilmente identificabili, sia ancora piuttosto frammentaria. Il mondo animale è ancora tutto da scoprire…

Riferimenti:
George Sangster, Ben F. King, Philippe Verbelen, Colin R. Trainor. A New Owl Species of the Genus Otus (Aves: Strigidae) from Lombok, Indonesia. PLoS ONE, 2013; 8 (2): e53712 DOI: 10.1371/journal.pone.0053712

Nell’immagine due assioli, di Antonio De Lorenzo, Wikimedia Commons

Andrea Romano
Biologo e giornalista scientifico, lavora come ecologo all'Università degli Studi di Milano, dove studia il comportamento animale. Scrive di animali, natura ed evoluzione anche su Le Scienze e Focus D&R. Dal 2008, è caporedattore di Pikaia - portale dell'evoluzione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: