COSTUME E SOCIETÀCRONACAINFOGRAFICHEULISSE

Cibo sprecato

Crediti immagine: Laura Pulici

CRONACA -Ogni tanto capita anche a me. Nonostante non sia un’amante delle scorte alimentari e sia molto attenta al pareggio di bilancio tra il cibo acquistato e il numero di pasti da cucinare, quella vaschetta di gelato, dimenticata in freezer da qualche mese, è finita nella spazzatura.
Secondo uno studio sullo spreco domestico realizzato da Last Minute Market e Università di Bologna, 6 italiani su 10 buttano il cibo almeno una volta alla settimana, 1 su 10 addirittura una o due volte la settimana. In un anno, secondo l’Eurostat, arriviamo a sprecare 149 kg di cibo a testa.
Finiscono nell’immondizia soprattutto frutta e verdura (40-50%), seguiti dai cereali e prodotti derivati (30%). Questo perché sbagliamo nella conservazione e nella gestione delle scorte o ci lasciamo tentare da offerte speciali e promozioni, acquistando una quantità di cibo superiore a quella di cui avremmo bisogno.
La situazione italiana non è un’eccezione, ma la regola. Solo nell’Unione Europea, in un anno, vengono sprecati 90 milioni di tonnellate di cibo l’anno e ogni cittadino ne butta nell’immondizia 180 kg. Analizzando l’intera filiera alimentare, gli sprechi delle famiglie sono quelli più rilevanti (42% del totale), dopo la produzione (39%), la ristorazione (14%) e la vendita all’ingrosso e al dettaglio (5%).
Un problema non è solo economico ed etico, ma anche ambientale. La filiera alimentare negli Stati dell’Ue, infatti, è responsabile del 17% delle emissioni di gas serra dirette. Tutte le volte che sprechiamo del cibo, non facciamo altro che contribuire all’aumento delle emissioni.

1 Commento

  1. Finchè l’unica Forza agente sulle scelte degli individui sarà esclusivamente un Guadagno in “moneta”, la distrubuzione delle risorse della Terra sarà sempre complessa e dispersiva.

    D’altronde, non si vede attualmente all’orizzonte un modo più redditizio e meno sprecone per accedere ai beni prodotti , da parte di chi si guadagna il diritto a farlo, che sostituisca quello attuale.
    Molto probablmente, quello del cibo che si spreca perchè va in scadenza o per altre cause è un naturale ed inevitabile processo entropico.
    A ben vedere, infatti, in Natura, tutte le “trasformazioni” o gli “spostamenti ” di Energia sono affetti da un certo tasso di Entropia.

    Ed è così anche per gli alimenti visti come veicolatori di”energia privilegiata.(cibi).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: