mercoledì, Dicembre 19, 2018
AMBIENTESALUTE

Cosa sappiamo dei cinghiali “radioattivi”

cinghialeCRONACA – Deve ancora essere chiuso il caso della carne di cavallo “imprevista” trovata in numerose derrate alimentari in giro per l’Europa, e in Italia torna a far notizia la sicurezza alimentare.

Ieri il Ministero della Salute ha emesso una nota dove dichiarava che in 27 campioni provenienti da cinghiali abbattuti nel territorio della Valsesia (Vercelli, Piemonte) durante l’ultima stagione di caccia (ora conclusasi) era stato rinvenuto l’isotopo radioattivo Cesio 137 in concentrazioni superiori alle soglie stabilite dai regolamenti Europei. I controlli sui campioni (lingua e diaframma) erano stati effettuati per testare la presenza di trichinellosi, una infezione da nematodi tipica dei suini. In seguito i laboratori specializzati del Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca della Radioattività nel Settore Zootecnico Veterinario dell’IZS di Puglia hanno confermato la presenza di elevate concentrazioni di Cesio 137 oltre, la soglia di 600 bq/Kg per 9 campioni su 10 (il decimo è intorno a 500 bq/Kg) e in queste ore i rimanenti 17 campioni sono sotto analisi del Centro di Referenza nazionale di Foggia.

Vista la situazione il Ministro della Salute Renato Balduzzi ha attivato i Carabinieri del  NAS e del NOE, e stamattina si è svolta la prima riunione presso l’Istituto Zooprofilattico di Torino con il Ministero collegato in videoconferenza.

La domanda è una sola: da dove viene il radionuclide?

L’ARPA smentisce l’ipotesi che la fonte possa essere la vicina centrale nucleare di Trino in disuso dal 1987, ma assieme al Ministero ricorda che il Cesio 137 potrebbe essere un’altra eredità degli anni ’80, ovvero l’incidente di Chernobyl del 1986. Questo isotopo è infatti tra i principali che si sono liberati nell’atmosfera e che sono stati trasportati sull’Europa dai venti. Ma come è possibile che a distanza di quasi 26 anni, vicina quindi al tempo di dimezzamento (30 anni) questi animali siano riusciti a contaminarsi così pesantemente? Come ben sanno i conservazionisti, i disastri ambientali possono avere portate decennali per via del fenomeno della bioaccumulo: il Cesio 137 entra rapidamente nelle reti trofiche dopo essere stato assorbito dal terreno da piante e funghi. Non occorre guardarsi troppo indietro per trovare casi analoghi: lo stesso isotopo è stato rilasciato massicciamente nell’atmosfera anche durante l’incidente alla centrale nucleare di Fukushima, e neanche due anni dopo si trovava, assieme al Cesio 134, in alcune popolazioni di tonni pinna blu in livelli 10 volte superiore al normale.

Le indagini, tuttavia, sono appena cominciate, e al momento la fonte rimane ignota.

CREDITI IMMAGINE: By GerardM,  Wikimedia Commons

Stefano Dalla Casa
Giornalista e comunicatore scientifico, mi sono formato all’Università di Bologna e alla Sissa di Trieste. Scrivo abitualmente sull’Aula di Scienze Zanichelli, Wired.it, OggiScienza e collaboro con Pikaia, il portale italiano dell’evoluzione. Ho scritto col pilota di rover marziani Paolo Bellutta il libro di divulgazione "Autisti marziani" (Zanichelli, 2014). Su twitter sono @Radioprozac

7 Commenti

  1. è prassi tra i cacciatori, e in particolare tra i “cinghialai”, effettuare ripopolamenti (illegali) con animali di varia provenienza. Ora non conosco le attuali concentrazioni di cesio 137 nelle aree di bielorussia e ucraina prossime a Chernobyl, ma se devo scommettere direi che è più facile che i cinghiali arrivino da li, piuttosto che si siano contaminati in Valsesia

  2. Manca un’informazione importante, o almeno io non la trovo, per capire se si tratta di una emergenza o della normalità: che esito avevano dato simili analisi radiometriche sui campioni delle stagioni precedenti?
    Ci sono dati anche di 25 anni fa, a ridosso dell’incidente di Chernobyl?
    I cinghiali erano sottoposti a questa indagine anche in passato o è stata eseguita per la prima volta?

  3. Grazie della notizia! Non sono d’accordo però su un paio di punti. L’articolo sembra suggerire che il rinvenimento di Cesio-137 a 26 anni da Chernobyl sia dovuto a biomagnificazione. Se è vero che la biomagnificazione interessa il cesio (anche se in misura minore rispetto ad altri contaminanti come Hg, dato che è – fortunatamente per noi – altamente solubile), in questo caso non ha avuto probabilmente alcun ruolo, dal momento che la radioattività di questi animali è tendenzialmente minore rispetto a quella dei tartufi di cui si nutrono (non a caso chiamati “deer truffles” Ascomiceti del gen. Elaphomyces), e che sono responsabili della bioconcentrazione del cesio. Si tratta quindi casomai di una diluizione da un livello trofico all’altro. Bisognerebbe inoltre chiarire che il cesio c’è probabilmente sempre stato. Ossia gli animali semplicemente continuano ad essere contaminati. Nei paesi nordici e in Germania, i controlli della radioattività della carne di cinghiale sono rutinari. In secondo luogo, non mi è del tutto chiaro cosa significhi che i livelli di contaminazione non sono comparabili tra i due incidenti. Per dirne una, i due incidenti sono allo stesso livello della scala INES (International Nuclear Event Scale) dell’IAEA. Però io comparo i due incidenti di mestiere, e potrei essere di parte!

    1. Grazie molto per il commento.
      Per la biomagnificazione mi sono basato sulle poche righe diffuse dall’ARPA “Dalle indagini che Arpa Piemonte svolge nell’ambito delle reti di monitoraggio radiologico regionale risulta che il Cs137 è un isotopo radioattivo ancora presente in ambiente a seguito del rilascio durante l’evento di Chernobyl e che tale isotopo, pur essendo presente in tracce, può concentrarsi in alcune specie vegetali e animali, quali funghi e selvaggina.”: avrei dovuto scrivere più prudentemente bioaccumulo, correggo.

      Per il confronto tra i due incidenti mi basavo su stime “antiquate” che non avevo ricontrollato: mea culpa, correggo.

      Grazie mille

  4. Manca un’informazione importante, o almeno io non la trovo, per capire se si tratta di una emergenza o della normalità: che esito avevano dato simili analisi radiometriche sui campioni delle stagioni precedenti?
    Ci sono dati anche di 25 anni fa, a ridosso dell’incidente di Chernobyl?
    I cinghiali erano sottoposti a questa indagine anche in passato o è stata eseguita per la prima volta?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: