Un mondo di polli

Più grandi, più numerosi, più nutrienti: il pollo è la carne del futuro? Vediamo, a partire dal fatto che quelli moderni sono del 400% più grandi rispetto ai polli degli anni '50

8445538271_133f35d65b_z

APPROFONDIMENTO – In teoria, gli insetti sembrano essere i candidati ideali a sfamare un’umanità che cresce a ritmi sostenuti. In realtà, il pollo sembra essere il cibo del futuro. Guardando quel pezzettino di carne bianca, vagamente insipida, ma poco grassa e a buon prezzo, non si direbbe che è in atto una vera e propria invasione globale dei polli (loro malgrado) nel mercato della carne. E, invece, è proprio quello che sta succedendo. La domanda di questo tipo di carne sta aumentando vertiginosamente, e i produttori se ne sono accorti già da tempo. Non solo è aumentato il numero di capi allevati, ma sono aumentate anche le dimensioni degli stessi polli, quadruplicando in poco più di 50 anni. Perché?

Più grande

Ha fatto molto discutere un recente studio pubblicato su Poultry Science che riportava i risultati di una ricerca condotta sui polli dagli anni ’50 ad oggi: i ricercatori hanno allevato 180 polli nutrendoli esattamente nella stessa maniera (e senza ormoni) in 3 anni differenti, in particolare nel 1957, nel 1978 e nel 2005. I risultati sono inequivocabili: i polli attuali sono grandi il 400% in più rispetto a quelli degli anni ’50.

immagine 2

Questo è soprattutto dovuto a un parametro, il rapporto di conversione del cibo, che è diminuito del 50%: in altre parole i polli attuali riescono più facilmente a trasformare il loro becchime in carne, assimilano meglio il cibo e, dunque, da un punto di vista commerciali, sono diventati enormemente più produttivi.

Schermata 11-2456982 alle 11.51.46

Grandezza dei polli in USA. Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva!

La pressione selettiva imposta dagli allevatori sui polli ha fatto sì che la maggior parte di questa crescita di dimensioni si concentri sul petto, che è la parte commercialmente più vendibile: nei polli maschi la crescita dei pettorali è stata del 79%, nelle femmine dell’85%. Questa enorme crescita ha avuto, però anche effetti indesiderati, soprattutto sulla salute degli animali. È ormai noto da tempo come le razze contemporanee soffrano di problemi scheletrici, circolatori e, soprattutto, immunologici.  Ma la storia non finisce qui.

Più numeroso

La carne di pollo ha avuto un vero e proprio boom negli ultimi anni. La produzione e la vendita sono andate di pari passo con la crescita economica nei paesi in via di sviluppo soprattutto in Asia. Il trend non risparmia nemmeno l’Occidente, dove, specialmente nelle ripetute crisi finanziarie degli ultimi decenni, la carne di pollo ha costituito un buon succedaneo alla carne, molto più cara, di manzo e maiale. Nel mondo i maggiori produttori sono anche i maggiori consumatori: Europa, Stati Uniti, Cina e Brasile hanno un quasi monopolio della produzione di carne di pollo.

Schermata 11-2456982 alle 13.10.47

I maggiori produttori di carne di pollo nel mondo. Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva!

Nell’Unione Europea i maggiori produttori sono Francia, Regno Unito e Germania:

Schermata 11-2456982 alle 13.13.14

Maggiori produttori UE. Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva!

Si nota, quindi, una correlazione quantomeno singolare. Se è in generale vero che il consumo di carne è considerato come indice di una maggiore ricchezza economica, la carne di pollo, considerando come detto anche la sua universalità, è un ottimo indicatore di come sono cambiati i rapporti di forza economica negli ultimi decenni.

Più “nutriente”

Questa corsa alla carne di pollo non è prerogativa solo dei paesi sviluppati o in rapida crescita economica, ma è un fenomeno che interessa tutto il mondo. Nel 1960 mediamente una persona nel mondo prendeva lo 0,5% delle proprie calorie quotidiane dalla carne di pollo: oggi siamo quasi al 2%.

Schermata 11-2456982 alle 13.18.19

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva!

Questo perché il pollo è un alimento nutriente, facile da allevare e, soprattutto, sul suo consumo non esistono leggi religiose contrarie: con la parziale eccezione dell’induismo (che in alcune correnti impone un vegetarianesimo molto stretto), musulmani, ebrei, cristiani, taoisti, etc, tutti possono mangiare pollo.

Schermata 11-2456982 alle 13.20.56

Produzione nel mondo. Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva!

Nemmeno la crisi dell’influenza aviaria ha rallentato la corsa, anzi, dopo una piccola frenata, la crescita è continuata in maniera sostenuta. Negli Stati Uniti, addirittura, il consumo di carne di pollo ha già superato il consumo di manzo, il tipo di carne tradizionale americano: in un solo anno, da ottobre 2013 allo stesso mese del 2014, il prezzo della carne di pollo è aumentato di quasi il 20%. Il trend è talmente forte che il Washington Post ha dichiarato che è iniziata l’era della Dominazione del Pollo.

Schermata 11-2456982 alle 13.43.09

Il consumo di carne negli USA. Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva!

Più caro

Anche i prezzi sono aumentati in questi ultimi anni. Si notano, tuttavia, due rilevanti eccezioni: la crisi economica del 2000 (“bolla di internet”) e quella attuale, specialmente nel suo momento iniziale (2008). Dopo poco tempo, però, tutti i prezzi sono tornati nel trend di crescita accentuato: la domanda di carne è quindi sempre in crescita.

Schermata 11-2456982 alle 13.44.34

Prezzo della carne. Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva!

…ma molto meno sostenibile.

Questa corsa frenetica alla carne e a quella di pollo in particolare è, come noto, poco sostenibile, sia da un punto di vista ecologico, dati i grandi problemi di smaltimento degli scarti degli allevamenti intensivi, sia da un punto di vista etico, considerando le condizioni in cui in tali allevamenti vengono allevate questi poveri animali. Noi vediamo solo l’ultimo pezzettino di questo vasto mondo: una vaschetta bianca, chiusa ermeticamente, con dentro un bel pezzo di carne candida, morbida e adatta a tutte le diete. Pochi immaginano che dietro quel petto, o quella coscia, c’è uno dei settori alimentari con uno sviluppo impetuoso, inarrestabile e, in ultima analisi, abbastanza inquietante.

@gia_destro

Leggi anche: Alimentazione, obbligatorio indicare la presenza di allergeni

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagini:
KenC1983, Flickr
polli: Fonte

6 Commenti su Un mondo di polli

  1. Claudio Casonato // 20 novembre 2014 alle 15:10 // Rispondi

    L’ha ribloggato su bUFOle & Co..

  2. una precisazione, per dovere di cronaca: lo studio non è durato sessant’anni, dagli anni ’50 ad oggi, ovviamente, ma sono stati utilizzati polli non selezionati (“unselected from”) dal 1957 e dal 1978, oltre ad una linea commerciale del 2005.

  3. attenzione, avete scritto Stati Uniti invece che Regno Unito😉

  4. Ehm: “Nell’Unione Europea i maggiori produttori sono Francia, Stati Uniti e Germania:” va bene essere europeista, ma incorporare gli USA… hai chiesto a loro?

  5. Giustissima osservazione, grazie!

  6. Grazie per le segnalazioni, corretto!

9 Trackbacks & Pingbacks

  1. Gli insetti nel piatto | OggiScienza
  2. Latouche non descriva il “libero scambio” come “libera volpe in libero pollaio” | Blog di GIAMPaolo SPOnga
  3. 84% dei polli del supermercato è pieno di queste sostanze
  4. L’allarme di Altroconsumo: l’87% dei polli del supermercato sono pieni di virus e antibiotici! | Lo Spillo
  5. 87% dei polli del supermercato sono pieni di antibiotici!
  6. 87% dei polli del supermercato sono pieni di antibiotici | Informare per Resistere
  7. 87% dei polli del supermercato sono pieni di antibiotici - Grognards
  8. 84% dei polli del supermercato sono pieni di antibiotici! – Lo Spillo – Le Notizie più Virali del Web
  9. Un mondo di polli |

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.440 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: