Più che un film, uno spot: The Martian è nei cinema italiani

Il film di Ridley Scott girato con la consulenza NASA si rivela un quasi-Western sempliciotto che non convince

25937-sopravvissuto-the-martian-matt-damon-ridley-sc

ARTE, MUSICA E SPETTACOLI – L’accostamento del nome di Ridley Scott, regista di capolavori del cinema di fantascienza come Blade Runner e Alien, con la storia di esplorazione marziana scritta da Andy Weir – libro inizialmente autopubblicato e poi grande successo editoriale globale – ha fatto sperare molti fan e gli appassionati di spazio. La collaborazione della stessa agenzia spaziale americana con la produzione ha fatto pensare che ci si potesse trovare di fronte a un film che raccontasse in maniera piuttosto realistica come potrebbe essere un futuro viaggio umano verso il Pianeta Rosso. Sopravvissuto – The Martian delude sotto entrambi gli aspetti, trasformando il potenziale originario in un’avventura problem solving con uno scarso tasso di dramma, che spinge l’acceleratore su di un generico ottimismo nelle capacità degli esseri umani di superare gli ostacoli.

Mark Watney (Matt Damon) è uno dei sei astronauti che a bordo dell’Ares III hanno raggiunto Marte per la prima missione umana sul pianeta. Stanno svolgendo le proprie attività di ricerca quotidiana, in un clima da campo di boyscout, quando all’orizzonte si profila una tempesta talmente potente da superare il livello di guardia, motivo per cui il protocollo prevede di abortire la missione e cominciare il lungo viaggio di ritorno a casa. La situazione precipita velocemente e nel tentativo di raggiungere il veicolo Mark viene colpito da alcuni detriti dell’antenna di comunicazione che lo fanno sparire alla vista degli altri e dei monitor biometrici. Creduto morto, il capitano Melissa Lewis (Jessica Chastain) dà l’ordine di partire. Ma, come sappiamo già dal trailer, Mark è sopravvissuto e dovrà trovare modo di resistere in solitudine, novello Robinson Crusoe, riuscendo a produrre cibo per i quattro anni che lo separano dall’arrivo sul cratere Schiaparelli della prossima missione Ares.

26019-poster

A differenza di una certa tradizione hollywoodiana di film in cui il protagonista deve affrontare in solitudine la prova della sopravvivenza, il Watney/Crusoe di Sopravvissuto ha come freccia al proprio arco il pensiero razionale. Il botanico Watney sembra essere il simbolo di un passaggio di sensibilità nell’immaginario collettivo: meno Rambo, meno Armageddon Space Cowboys e più nerd, più Big Bang Theory. I problemi si affrontano smontandoli e ragionando, strategia simboleggiata dalle sequenze in cui Mark compila liste di risorse alimentari, si ingegna per creare una serra per coltivare le patate su Marte.

Quello che risulta incredibile, in un personaggio che non è muscolare o sbruffone, è che non abbia (o almeno non li vediamo) cedimenti psicologici. In fin dei conti sarebbe umano sentirsi abbandonato e dubitare del proprio futuro. Ma è un pensiero che Scott e lo sceneggiatore Drew Goddard preferiscono lasciare a Vincent Kapoor (Chiwetel Ejiofor), uno dei dirigenti NASA che a Terra si organizzano per aiutare Watney. Certo, il cinema prevede sempre una certo grado di sospensione dell’incredulità di fronte a quello che vediamo sullo schermo e questo può essere uno di quei casi in cui si chiede troppo allo spettatore. O forse è il segno di un cambiamento dei tempi, per cui l’eroe di oggi è razionale laddove pochi anni fa sarebbe stato semplicemente una “macchina da guerra”.

26014-b22399704902e0745ffeb1ab9327cbf70dc95656

Della scienza esce un ritratto realistico, ma solo a tratti.  Scott e Goddard sono bravi a rappresentare l’impresa spaziale come il risultato del lavoro di immensi gruppi di ricercatori, ingegneri e tecnici. Ci sono i controllori di volo di Houston, gli esperti di tecnologia spaziale del JPL di Pasadena, ci sono gli attuali concorrenti del programma spaziale cinese. Ma lo stratagemma decisivo per la risoluzione del film (non sveliamo niente) non viene raggiunto con il lavoro di gruppo, attraverso la discussione e il confronto, ma attraverso il più classico degli “Eureka!” lanciato da un esperto di astrodinamica. È una tentazione che abbiamo già riscontrato tante volte nel cinema (vedi alla voce La teoria del tutto), ma che ci si poteva aspettare che la collaborazione con la NASA avrebbe potuto mettere da parte.

Anche sul fronte della tecnologia, non tutto fila liscio. Vero che molte delle cose che si vedono sullo schermo sono rappresentazioni di progetti reali della NASA, come raccontano loro stessi, ma ci sono comunque alcuni passaggi che, forse per semplici esigenze di far quadrare il tutto dal punto di vista filmico, sono fragili. Per esempio, con tutta la grande tecnologia a disposizione di Watney e soci, il sistema migliore per andare dall’Hab (la base dove vivono e lavorano su Marte) al MAV (il veicolo che li riporterà verso la nave Ares III) è uscire a piedi nel mezzo della tempesta? Possibile che non si sia pensato a nessun sistema di segnalazione del percorso con luci, funi, altri stratagemmi?

31305-jessica-chastain-the-martian

C’è poi l’aspetto dell’acqua, elemento fondamentale nella narrazione di Sopravvissuto. Ma a fronte dei continui annunci della presenza di acqua su Marte, si poteva dedicare qualche minuto a spiegare perché l’astronauta se la procuri con un complesso processo chimico a partire dal combustibile del MAV. Forse è solo un dettaglio, ma per chi segue le ricerche sul nostro sistema solare, la situazione non può non far affiorare un sorriso.

Alla fine delle oltre due ore di proiezione (forse si poteva asciugare qualche passaggio), che cosa rimane? Dal punto di vista cinematografico, il film riesce a metà. La mano di Ridley Scott è ancora sicura e ci mostra un Marte estremamente bello dal punto di vista estetico. Manca, però, la tensione necessaria a tenere vivo il rapporto empatico tra spettatore e protagonista. Alla fine parteggiamo per Watney, ovvio, ma è troppo ottimista e fiducioso da poter sembrare un Candide voltairiano. Dal punto di vista della NASA, invece, crediamo che il messaggio pubblicitario sia forte e chiaro: stiamo per andare su Marte con dei nostri ragazzi, ma non dovete preoccuparvi, perché qualsiasi cosa accada li riportiamo sempre tutti a casa. Consolatorio, ma forse semplicistico.

@ogdabaum

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Marco Boscolo (84 Articles)
Science writer, datajournalist, music lover e divoratore di libri e fumetti - @ogdabaum - marcoboscolo.org - datajournalism.it

7 Commenti su Più che un film, uno spot: The Martian è nei cinema italiani

  1. Non sono d’accordo sulla stroncatura.. ritengo The Martian molto migliore dei film di fantascienza usciti negli ultimi anni, sia per la descrizione molto fedele di aspetti e metodologie scientifiche (anche troppo fedele, tanto che non lo definirei neanche “fanta” scienza) sia per il coinvolgimento emotivo. Ovvio che essendo un film per un pubblico molto vasto, alcune pecche o sbavature ci possono essere, ma non così gravi da rovinare la godibilità del film. Qualche sospensione dell’incredulità sul finale, ma neanche troppe, e sempre giustificate da spiegazioni o almeno principi plausibili..
    Sugli aspetti psicologici e di coinvolgimento dei personaggi non mi sbilancio. A me sono piaciuti, ma capisco che possano risultare non convincenti o eccessivamente positivisti.
    La descrizione della parte scientifica è eccellente, al momento non ricordo una trattazione così degli ambienti scientifici in nessun film (anche il luogo comune del “colpo di genio” rappresenta una parte minimale, quindi molto meno fastidiosa rispetto ad altri film).

    Detto questo il mio voto sul film è più che positivo! Non lo metterei in cima alla classifica dei film di fantascienza (anche perchè non sono sicuro di volerlo classificare come sf), ma di sicuro è meglio di altre pellicole recenti (leggasi Interstellar e simili)

    • Capisco il punto di vista, Marco. Ma secondo me il film continua a non funzionare, all things considered. Watney risulta un personaggio talmente ottimista e fiducioso da risultare irreale: mai un cedimento, mai uno scoramento. Certo, al posto del muscolo ci mette il cervello, ma lo schema, narrativamente parlando, non cambia molto.

      Poi secondo me anche il buon Ridley Scott ha le sue colpe (e visti Prometheus e Exodus, è da un po’ che non azzecca un film).

      • Se posso dire la mia… ho visto solo ieri sera il film, ma ho letto il libro questa estate e mi pare di aver trovato il racconto originale ancor meno pessimista. Un filo di drammaticità (ma giusto un filo) il film ce l’ha, il libro, sinceramente, no. Sarà il potere delle immagini, il poter osservare l’interpretazione di un essere umano (la carta stampata non lo permette), ma nel libro, davvero, si salta da attimi di scoramento totale (morirò) ad attimi di frenesia (problema risolto!) più volte: per carità, personalmente non trovo siano improbabili, ma fossi stato l’autore sono cose che avrei evitato.
        Detto questo il film mi è piaciuto. Molto meglio di Interstellar (che non ho disdegnato). Damon mi è piaciuto, il resto dell’equipaggio è un contorno poco abbozzato (Johanssenn secondo me è un bel personaggio, ma purtroppo…). Ho ghignato alla parte del Consiglio di Elrond (il nerd tolkeniano che è in me non ha potuto non fare l’accostamento tra Sean Bean e Tolkien nella stessa scena). Marte sembra Marte (non ci sono mai stato, ma credo sia una rappresentazione molto fedele). Insomma, per me il film funziona, lo riguarderò sicuramente.

  2. tutto vero, ma Voltaire era francese, come il suo protagonista: Candide (e finale, please).

  3. Non sono d’accordo sulla stroncatura. Però ognuno la pensa un po’ a modo suo. Il libro finisce nella lista dei romanzi di (chiamiamola così) fantascienza più belli che abbia letto finora.

    Inoltre, forse nel film è stato tralasciato un po’ come lui riesca ad ottenere i risultati necessari alla sua sopravvivenza, ma questo è scontato. Un film non può durare ore, gingillandosi su dettagli tecnici. Purtroppo non è un documentario e come tale la parte scientifica ne perde un po’.
    Però non reputo la cosa un errore, mi spiego meglio. Un appassionato di questo genere avrà sicuramente letto il libro. Quando andrà a vedere il film saprà già tutto quello che c’è da sapere a livello tecnico, lasciandogli solo la rappresentazione visiva degli atti che ha precedentemente vissuto nella sua testa durante la lettura. Mentre il non appassionato che va’ a vederlo, dei dettagli scientifici.. beh non gli interesserà poco o nulla.

    Quindi secondo me Ridley Scott ha centrato l’obbiettivo e in effetti l’opinione pubblica e la critica sembra premiarlo.

    • Liberissimo di pensarla così Andrea. Secondo me, se un film ha bisogno di un libro di supporto, beh, c’è qualcosa che non va dal punto di vista proprio filmico (direi, anzi, drammaturgico). E il problema di non potersi gingillare sui dettagli, secondo me, è una scusa per non giocare fino in fondo la sfida sul fronte della sceneggiatura. Ti faccio un esempio completamente diverso, però spero aiuti a far capire. Se guardi il nuovo Mad Max, ci sono miriadi di dettagli che non vengono spiegati, ma il regista e lo sceneggiatore riescono a far apparire tutto coeso grazie alla scelta di attingere alla mitologia (una mitologia inventata, creata apposta per l’universo di Mad Max). È una scelta che fa funzionare il film. Nel caso di Sopravvissuto, invece, secondo me di fronte alla difficoltà di spiegare dettagli della storia, la sceneggiatura ha rinunciato a trovare una soluzione che non allungasse oltremodo il film e che comunque soddisfacesse le esigenze narrative. Questo, secondo me, è il peccato principale di Sopravvissuto. Detto questo, a ognuno le proprie opinioni.

5 Trackbacks / Pingbacks

  1. Marte: acqua, pirati e batteri, che succede sul Pianeta rosso? | OggiScienza
  2. Sì, mangiare: un racconto (semi)serio dei temi di Expo attraverso il cinema di fantascienza | OggiScienza
  3. Sì, mangiare: un racconto (semi)serio dei temi di Expo attraverso il cinema di fantascienza | Marco Boscolo
  4. Guida galattica per giardinieri spaziali – OggiScienza
  5. “The Martian” vince un pomodoro prima degli Oscar – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: