Cure dentistiche: un italiano su 10 non se le può permettere

L'OCSE mostra che l'accesso alle cure non è uguale per tutti, e il risultato è che il 3% degli europei nel 2013 non si è curato

4295107937_7462042678_zSPECIALE NOVEMBRE – L’ultima delle questioni che racconteremo in questo speciale di Oggiscienza dedicato all’ultimo report OCSE sulla salute, riguarda l’accesso alle cure, che come è noto nasconde profonde e complesse disomogeneità anche fra i paesi ricchi. In molti casi le cure costano troppo, e sempre meno persone possono permettersele. Il 3% della popolazione europea dichiara di non aver usufruito delle cure necessarie a causa dei costi troppo elevati, delle liste d’attesa troppo lunghe e della distanza fisica. Per non parlare dell’universo delle cure dentistiche, inaccessibili per il 10% della popolazione a basso reddito.

In generale, rileva OCSE, la copertura sanitaria privata negli ultimi 10 anni è aumentata in paesi come Danimarca e Finlandia, ma crollata in altri.

Schermata 2015-11-23 alle 20.26.03

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva

Stati Uniti, Grecia e Polonia sono tre esempi di paesi in cui non viene garantita la copertura sanitaria pubblica di base a tutti i cittadini, che è invece appannaggio delle assicurazioni private. Negli Stati Uniti nel 2014 solo il 54% della popolazione ha avuto accesso alla copertura sanitaria di base tramite assicurazione, il 34% ha usufruito invece di copertura pubblica, ma si tratta di casi speciali come anziani a basso reddito o con disabilità. Il rimanente 11% della popolazione americana, cioè un americano su 10 nel 2014 non aveva alcuna forma di copertura sanitaria. Questa percentuale è leggermente calata rispetto al 2013, dove sfiorava il 15%, ma rimane comunque molto alta.

In Grecia invece è stata la forte crisi economica e occupazionale a ridurre il numero di persone che potevano permettersi una copertura sanitaria, con la conseguenza – rileva l’OCSE – che a partire dal giugno del 2014 alle persone non più assicurate ma che rientravano nel gruppo di pazienti bisognosi di particolari cure farmacologiche, si è cominciata a fornire l’assistenza di base attraverso dipartimenti d’emergenza.

In Polonia invece, una legge promulgata nel 2012 ha stabilito che coloro i quali non fossero riusciti più a sostenere i costi delle assicurazioni sanitarie avrebbero dovuto rinunciare alla copertura, fatto salvo il fatto di poter accedere a strutture in caso di emergenza. Una legge che, racconta OCSE, si è tradotta in sempre più persone che finiscono per rinunciare alle cure di cui avrebbero bisogno.

Tuttavia, anche nel caso di una copertura sanitaria più estesa, vige la spesa cosiddetta out-of-pocket, cioè quella che i cittadini devono pagare di tasca propria, e che rappresenta comunque un quinto di ciò che i cittadini spendono per la propria salute, precisamente il 19%. Paragonata alla spesa sostenuta in media dalle famiglie dell’area OCSE, l’out-of-pocket rappresenta il 2,8%, in Italia il 3,2%. Ancora una volta la media è scarsamente significativa, dato che le differenze fra i paesi sono enormi.

Anche solo rimanendo in Europa, in Svizzera rappresenta il 4,5%, in Grecia il 4,1%, in Germania l’1,8% e nel Regno Unito l’1,4%. Va considerato inoltre il gap all’interno di ogni singolo paese, legato alle differenze di reddito, un divario che è particolarmente evidente – chiosa OCSE – in Italia, Lettonia, Polonia, Estonia e Grecia. In Italia la forbice va da un 2% circa di persone che non hanno avuto accesso alle cure nella fascia ad alto reddito, a un 15% fra chi ha un reddito basso.

Schermata 2015-11-23 alle 20.27.21

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva

Si potrebbe erroneamente pensare che la maggior parte di questa spesa sanitaria sostenuta direttamente dalle famiglie riguardi quasi unicamente la farmaceutica, ma non è così. In media la farmaceutica rappresenta un terzo della spesa, mentre un altro terzo è costituito proprio dalle cure. Il rimanente terzo si divide fra terapie e cure dentistiche.

Schermata 2015-11-23 alle 20.31.06

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva

Proprio le cure dentistiche sono spesso una spada di Damocle sulla testa dei cittadini, e l’Italia è in questo ai primi posti in Europa per percentuale di persone che ha rinunciato alle cure dentali per mancanza di mezzi: 1 italiano su 10. Peggio di noi solo Lettonia, Portogallo e Islanda, mentre in media dell’area OCSE a non aver usufruito delle cure dentali necessarie per questioni economiche nel 2013 sono stati 5 individui su 100.

@CristinaDaRold

Leggi anche: OCSE: poco personale specializzato per la cura degli anziani

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Eric Shmuttenmaer, Flickr

Informazioni su Cristina Da Rold (449 Articles)
Freelance (data) journalist and scientific communicator

3 Commenti su Cure dentistiche: un italiano su 10 non se le può permettere

  1. Cristina Da Rold // 24 novembre 2015 alle 11:06 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

  2. Beh io faccio parte di quell’1 su 10 … se penso che mi hanno chiesto 15000 euro per 4 impianti 😳 … Credo che sia più di 1 italiano che non possa affrontarla questa spesa 😁

1 Trackback / Pingback

  1. Cure dentistiche: un italiano su 10 non se le può permettere - Odontonetwork

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: