Le controversie sulla sigaretta elettronica

Dubbi e perplessità della comunità scientifica dopo la pubblicazione dell'articolo sull'e-cig su The Lancet

8476550965_b01cbac9a5_z

ATTUALITÀ – Un precedente articolo sulla sigaretta elettronica, pubblicato il 21 gennaio 2016, ha suscitato commenti e alcune polemiche. Per amor del vero, sembra corretto sottolineare che la ricerca a cui si fa riferimento per la stesura del pezzo, lo studio pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine, ha sollevato anche nel mondo accademico non pochi dubbi e perplessità, che riportiamo qui di seguito.

Per discutere di quello che non torna nell’articolo del The Lancet, non si farà riferimento a blog dedicati alle sigarette elettroniche che, esattamente come la controparte dedicata al fumo di tabacco, hanno interessi da difendere. Prendiamo in considerazione infatti nuovamente la comunità scientifica, che ha analizzato l’articolo in seguito alla sua pubblicazione. Perché sottolineare dopo la pubblicazione? Perché, come sostiene Robert West, professore di psicologia della salute presso l’UCL di Londra, questo articolo potrebbe essere un esempio del “fallimento del sistema di peer review“.
Le critiche mosse allo studio si focalizzano sui metodi scientifici utilizzati.

Per Linda Bauld, professoressa presso l’Università di Stirling, non è convincente il metodo di paragonare i risultati di articoli così differenti e con variabili poco confrontabili. Sarebbero poco omogenei i criteri con cui sono stati scelti gli individui inclusi negli studi e poco trasparenti i parametri messi a confronto. Il tentativo di riunire in un unico studio tutta la letteratura sul tema e-cig era ambizioso, ma la conclusione a cui gli autori dell’analisi sono giunti sarebbe troppo affrettata.

Linda Bauld sottolinea che alcuni degli studi più recenti, peraltro inclusi nella meta-analisi pubblicata dal Lancet Respiratory Medicine, “differenziano le diverse categorie di e-cig usate, pongono attenzione a quando e per quanto tempo è stata usata la sigaretta elettronica e se è stata provata proprio nel tentativo di smettere di fumare”. Tenendo conto di tali dati, la sigaretta elettronica avrebbe dimostrato efficacia nel favorire l’abbandono del tabacco quando “contiene nicotina a sufficienza, è usata spesso e per un tempo abbastanza prolungato e quando il dispositivo utilizzato è di quelli più moderni”, ha sottolineato la Bauld.

Peter Hajek, della Queen Mary University of London, rincara la dose dicendo che nello studio sono stati inclusi solo quelli che hanno tentato di smettere con l’e-cig ma hanno fallito. Sarebbero stati esclusi invece coloro che hanno smesso di fumare in seguito all’utilizzo di e-cig.

Rosanna O’ Connor, direttore del Tobacco, Alcohol & Drugs, Public Health England, sottolinea come la sigaretta elettronica abbia spesso dimostrato efficacia se usata con il supporto di esperti del servizio di prevenzione al fumo.

Parafrasando le parole di Linda Bauld, che chiedono approfondimenti più attenti e nuove review che raccolgano la letteratura relativa alla sigaretta elettronica per fornire un’informazione di qualità a medici e fumatori, ci è sembrato corretto scrivere il presente articolo per correggere quanto dichiarato in precedenza e per tentare di informare nel modo migliore.

Mi permetto di concludere con un’osservazione personale. L’incidente accaduto con l’articolo apparso su The Lancet non vuole dividere gli scienziati in due fazioni opposte, ma ci racconta come procede la scienza: un dibattito complesso, che però deve basarsi su dati trattati nella maniera più opportuna.

@AnnoviGiulia

Leggi anche: Negazionismo HIV/AIDS “peer-reviewed”? Scienziati e pazienti non ci stanno

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: carlo occhiena, Flickr

 

Informazioni su Giulia Annovi (132 Articles)
Data-journalist and science writer

2 Commenti su Le controversie sulla sigaretta elettronica

  1. Ho 38 anni e per 20 ho fumato un pacchetto e mezzo di sigarette al giorno.Mi sono avvicinato per caso al mondo delle e cig e sono riuscito a smettere subito.I benefici?Beh,se pensate che durante la stagione invernale soffrivo di bronchite asmatica e sinusite,mi capitavano durante la notte delle forti crisi di asma che un giorno mi hanno portato all’ospedale (diagnosi:eccessivo livello di CO nel sangue…eh,si quel giorno avevo esagerato con le sigarette).Ora con la sigaretta elettronica ho potuto buttare Broncovaleas,ventolin,prontinal,carbocisteina,augmentin ecc.Indubbiamente la e cig non è la panacea di tutti i mali,ma aiuta parecchio contro il vizio del fumo e i benefici sono evidenti.Bisogna essere solo accorti nella scelta dell’hardware e soprattutto usare liquidi con la dose giusta di nicotina di aziende serie e certificate.Mi dispiace per le case farmaceutiche da cui non comprerò più broncodilatatori e antibiotici.I miei non sono dati statistici,ma dati di fatto.Inviterei tutti quelli che hanno trovato benefici (sia in salute che economici)nell’uso delle e cig a scrivere nei commenti perché noto che si sta creando parecchia confusione su questo tema e secondo me l’esperienza diretta è più valida di tante statistiche che ci propinano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.438 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: