Il mio regno per un cavillo

Regni, generi, domini: al tempo dei genomi, etichettare gli esseri viventi ha ancora senso?

lemur

Il livello di specie è il cuore dell’analisi per la classificazione degli organismi. Crediti immagine: Tambako The Jaguar, Flickr

MELTING POD – Ce ne sono cinque: animali, piante, funghi, protisti e batteri. L’idea di dividere gli esseri viventi in regni risale a duecento anni fa, ma i criteri cambiano di continuo. Oggi sappiamo che non tutti gli organismi possono essere incasellati chiaramente in una categoria, e allora a che serve continuare a classificarli? Con Maurizio Casiraghi, zoologo all’università di Milano Bicocca.

@robertafulci

Leggi anche: Lo zampino di eBay nelle specie invasive

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia

Testi e intervista a cura di Roberta Fulci
Con la partecipazione di Enrico Bergianti

Colonna sonora:
Altre forme di vita, Bluvertigo, 2008
Clubjingle, Gliedkuchen (Jamendo)

Estratti da:
Tel chi el telun, Aldo, Giovanni e Giacomo, 1999

1 Commento su Il mio regno per un cavillo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.450 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: