Scoperto Tito, il primo dinosauro italiano dal collo lungo

Salgono a cinque i resti scheletrici di dinosauri ritrovati in Italia.

Opisthocoelicaudia

Alcune ossa del primo dinosauro dal collo lungo italiano sono state rinvenute sui monti Prenestini, vicino a Roma. Crediti immagine: FunkMonk, Wikimedia Commons

SCOPERTE – Ora anche l’Italia ha il suo primo dinosauro dal collo lungo. Una nuova specie di sauropode è stata rinvenuta sui monti Prenestini, a meno di 50 chilometri da Roma. È il quinto dinosauro italiano, il terzo analizzato a Milano. Ancora privo di nome scientifico, l’animale vanta però un soprannome altisonante: Tito, come uno degli imperatori romani. Ma non solo. Il riferimento è anche al gruppo dei titanosauri, ai quali appartenne pur non essendo un gigante.

Lo studio pubblicato su Cretaceous Research porta le firme di Cristiano Dal Sasso (paleontologo del Museo di Storia Naturale di Milano), Gustavo Pierangelini (ingegnere e paleontologo autodidatta), Federico Famiani (geologo dell’Università di Camerino), Andrea Cau (Università & Museo Cappellini di Bologna) e Umberto Nicosia (Università “La Sapienza” di Roma).

Estratte dalle pietre di un muretto a secco in costruzione, le poche ossa – una vertebra e due frammenti del bacino – ci dicono che non superava i 6 metri di lunghezza e che non pesava più di 700 chili. Cifre tutt’altro che ragguardevoli per un erbivoro di quel tipo. Nonostante l’esemplare fosse un subadulto, anche pienamente cresciuto non avrebbe raggiunto dimensioni di molto superiori. Stupisce inoltre la conformazione ‘invertita’ della vertebra trovata.

“È possibile che i dinosauri italiani siano così particolari, perché evolutisi in parziale isolamento, oppure semplicemente in ambienti diversi dai grandi spazi continentali” specifica Dal Sasso in un comunicato. “Il sedimento che inglobava le ossa è pieno di microfossili marini che non lasciano dubbi: la carcassa del dinosauro fu smembrata dalle onde, su una spiaggia che risale a 112 milioni di anni”, aggiunge Famiani.

Tito visse nel Cretaceo inferiore (tra Aptiano e Albiano), quando la penisola italiana costituiva una sorta di ponte tra Africa ed Europa, grande quanto la Sardegna e circondato dal Mar di Tetide (il Mediterraneo non esisteva ancora).

Replicati in 3D – grazie alla collaborazione del Politecnico di Milano – i resti del dinosauro sono stati studiati per mesi, il che ha reso possibile ricavarne dimensioni e aspetto, simili a quelli di parenti coevi come Malawisaurus, Mongolosaurus e Rapetosaurus.

A poco più di un mese dalla riscoperta di un osso dimenticato nel Museo Gemellaro di Palermo (a quanto pare di un’altra nuova specie), grazie a Tito una mappa della magafauna mesozoica italiano forse non è più così lontana.

Leggi anche: Un fossile di una T. rex incinta ci aiuterà a identificare il sesso dei dinosauri

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

1 Commento su Scoperto Tito, il primo dinosauro italiano dal collo lungo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: